Lifestyle

Auto elettrica: Porsche Mission E non avrà i limiti di prestazione di Tesla

Porsche sa che probabilmente molti confronteranno la Missione E con le auto di Tesla, ed è determinata a dimostrare che è la sua auto elettrica ad alte prestazioni quella da battere. Il responsabile EV dell’azienda Stefan Weckbach ha promesso che la Missione E ha prestazioni “riproducibili”. Tesla (e in particolare il Modello S ) non può eguagliare. La berlina completamente elettrica mira a sostituire la Tesla Model S nei vialetti dei ricchi e ambientalmente consapevoli, a partire dal 2019 o il 2020. 

Il leader di Porsche EV Stefan Weckbach ha detto a un gruppo di giornalisti che Porsche, a differenza di Tesla, sta sviluppando la sua vettura come un veicolo performante in grado di mantenere la massima velocità e riprodurre l’accelerazione in modo affidabile. Il modello S può colpire il suo tempo richiesto 0-60MPH “due volte” in breve successione, ha affermato Weckbach, e non può funzionare a piena velocità per tratti significativi. La Missione E può mantenere la sua piena velocità per “lunghi periodi”, ha detto Weckbach.

I dettagli sulla missione E, l’imminente primo veicolo completamente elettrico della Porsche, continuano a scendere fino al pubblico prima del lancio ufficiale nel 2019. Ora, un nuovo rapporto suggerisce che la Porsche Mission E inizierà a circa  $ 75.000 con tre tagli di prestazioni.

porsche-auto-elettrica

Leggi anche: Formula e gen 2: nuova auto elettrica, progressi nella tecnologia

La prima auto sportiva della Porsche: Missione E

Porsche è carica e pronta ad andare con la sua prima auto sportiva elettrica, la Missione E. Il marchio di auto sportive di lusso ha introdotto per la prima volta la Missione E nel 2015 e dovrebbe rilasciarla nel 2019. Questa settimana il capo dei veicoli elettrici della casa automobilistica tedesca ha rivelato di più sulle sue capacità di ricarica e sui piani dell’azienda di assumere Tesla.

Stefan Weckbach ha dichiarato: “L’intera azienda sta lavorando per un unico obiettivo: con Mission E, offriremo una Porsche completamente elettrica, che si adatta perfettamente al nostro marchio, trova l’approvazione con i nostri clienti e porta giustamente il nome di Porsche”.

I confronti contro Tesla sono allettanti, ma la Missione E affronterà un mercato leggermente diverso. Grazie alla trasmissione elettrica, è più grande all’interno di quanto sembri, ma è ancora quattro posti e non cinque + 2 persone come la Model S. “La versione di produzione è essenzialmente una berlina del segmento C con un interno quasi D”,  ha detto Stefan Weckbach. Il concept ha anche un profilo molto più aggressivo, quasi come una supercar. Anche se è relativamente spazioso all’interno, è più probabile che attiri gli acquirenti che desiderano un’auto sportiva spaziosa. 

Il manager ha ribadito alcune delle abilità conosciute della missione E, inclusa la ricarica rapida (15 minuti per 250 miglia di guida). Ha aggiunto che l’auto dovrebbe essere anche relativamente pratica. Oltre ai sedili posteriori decenti, aiutati da batterie scolpite che consentono più spazio per i piedi, c’è anche un discreto spazio per il carico. Mentre la parte anteriore ha un motore, un raffreddamento e altri componenti vitali, dovrebbe comunque contenere circa 100 litri (circa 3,5 piedi cubici) di spazio. Non è chiaro cosa possa portare la schiena.

Probabilmente rilascerà tre versioni di trazione integrale con 300 kW, 400 kW e 500 kW (402, 536 e 670 cavalli). Tesla afferma che il suo Modello S può andare da 0 a 62 mph in meno di 3 secondi in modalità Ludicrous. Invece Weckbach dice che è più importante concentrarsi su “prestazioni riproducibili e una velocità massima che può essere mantenuta per lunghi periodi”. Porsche afferma che la missione E accelererà da 0 a 60 mph in meno di 3,5 secondi. Un super caricatore da 800 volt significa un breve tempo di ricarica – 15 minuti per 250 miglia in più. La ricarica rapida è soprannominata “turbo-ricarica”. La Missione E può percorrere circa 300 miglia con una singola carica completa. 

porsche-auto-elettrica

Leggi anche: Tesla: stazioni di ricarica gratuite ai parcheggi dell’ufficio

Stazioni di ricarica Porsche

Può ancora caricare in una stazione a 400 volt, che è la tipica capacità di ricarica, anche se ci vorrà un po’ di più. L’auto a quattro porte caricherà anche in modalità wireless in appositi garage di ricarica con una bobina installata nel pavimento. La Porsche si caricherà induttivamente sulla bobina. A quanto pare, Porsche punta sul powertrain per sostenere l’energia per lunghi periodi di tempo senza surriscaldarsi – abbastanza a lungo da gestire alcuni giri in pista o le alte velocità sull’autostrada.

L’auto elettrica farà anche parte di una rete di ricarica Porsche in crescita che sta tentando di rivaleggiare con l’infrastruttura di Tesla. Le stazioni di ricarica sono destinate a salire alle sue 189 concessionarie Porsche americane. Sei caricabatterie rapidi erano già installati presso il Porsche Experience Center di Atlanta e lo stesso seguirà a Los Angeles. Un sistema europeo di ricarica Porsche con Audi, BMW Group, Daimler AG e Ford è in cantiere per il 2020 per portare 400 stazioni di ricarica rapida lungo le autostrade. 

I fan di Tesla probabilmente saranno influenzati da colpi a buon mercato alle loro amate vetture, ma una battaglia per meriti di prestazioni sembra essere in ballo.

Leggi anche: Tesla energia solare: nuova centrale elettrica in Australia