Lavoro

Colloquio di lavoro: qual è il tuo difetto maggiore, come rispondere a questa domanda

Prima o poi, capita a tutti di fare autocritica per individuare i propri punti deboli, sia in un contesto lavorativo che in situazioni generiche. È una domanda molto comune durante i colloqui, eppure è abbastanza difficile trovare la risposta perfetta; in realtà, non esiste. Se non sei pronto per questa domanda, la situazione può diventare imbarazzante e rischi di dare una risposta terribile. Impara ad individuare e comprendere i tuoi difetti in modo da riuscire a parlarne senza problemi.

Perciò bisogna capire la domanda. Quando ti chiedono quali sono i tuoi punti deboli, soprattutto durante un colloquio, la cosa più importante non sono le debolezze in sé, ma la tua consapevolezza al riguardo e l’approccio che adotti per controbilanciarle. Se la risposta è “non ne ho”, è ovvio che hai un problema con l’auto consapevolezza. Inoltre, è importante comprendere che avere coscienza dei propri punti deboli non equivale ad un difetto, anzi è un punto di forza.

Ma Stacey Valy Panayiotou, la vice presidente senior per lo sviluppo dei talenti di Coca-Cola, chiede qualcosa di leggermente diverso: “Come potresti essere frainteso?. Alla Coca-Cola vogliamo persone versatili, persone che sanno imparare dai loro fallimenti”.“Qual è il tuo difetto maggiore?” è una classica domanda da colloquio di lavoro. Ecco cosa bisogna sapere su come rispondere correttamente a questa domanda.

colloquio-di-lavoro-difetto-maggioreLeggi anche: Colloquio di lavoro su Skype, alcuni consigli utili

Qual è la risposta migliore?

Il modo migliore per parlare della tua debolezza è rendere la tua risposta vera. Molti candidati sono ancora impreparati a discutere dei loro fallimenti. “Come potresti venir frainteso?” potrebbe sembrare una formula inconsueta, ma la sua similitudine con “qual è il tuo difetto maggiore?” potrebbe essere un vantaggio: i candidati possono prepararsi in anticipo alla domanda. Il modo migliore per rispondere a questo genere di domanda è l’onestà. Non c’è niente di peggio che evitare la domanda con un “difetto” costruito e chiaramente disonesto, come “Mi impegno troppo sul lavoro”.

I responsabili delle assunzioni vogliono ascoltare una storia sulle avversità professionali, non sul fallimento personale. Non c’è bisogno di chiacchierare su eventuali errori morali che hai commesso nella tua vita privata mentre il tuo manager delle assunzioni ascolta un muto orrore. Non esiste una risposta adatta a tutti per la tua copia, ma esiste una formula di base che ti consente di adattarti alle tue esigenze: riconosci una vera debolezza e poi parla delle azioni che stai intraprendendo per superarla. Le migliori risposte dovrebbero essere adattate alla compagnia per la quale stai intervistando e dovrebbero includere una debolezza che effettivamente possiedi.

Leggi anche: Lavoro, come fare una buona impressione durante un colloquio

In altre parole, la tua risposta deve essere autentica e onesta, in modo che il selezionatore possa vederti come candidato di lavoro e come persona reale. Puoi dire al tuo intervistatore che fare presentazioni davanti alla folla ti fa congelare e come stai seguendo dei corsi per superare questa paura. Riconoscendo la debolezza, mostri all’intervistatore che sei consapevole di te stesso. Sii sincero, usando un po’ di strategia. Non è una buona idea affermare di essere “un perfezionista che considera le persone responsabili delle proprie azioni” se non corrisponde alla realtà. Quando qualcuno ti chiede quali siano le tue debolezze, rispondi sinceramente. Devi dire la verità, ma allo stesso tempo devi imparare ad esporla nel modo giusto per mettere in evidenza i tuoi punti di forza. È il meccanismo di base delle pubbliche relazioni. È un metodo utile per presentarti come un candidato eccellente.

Quando ti viene chiesto qual è il tuo difetto maggiore, in realtà ti si chiede quali sono le tue lacune principali nello sviluppo professionale e in che modo le stai affrontando. Panayiotou ha detto che, nel complesso, le domande rivolte durante i colloqui alla Coca-Cola non sono pensate per confondere il candidato ma per far risaltare meglio esperienze importanti e capacità sviluppate in passato che potrebbero aiutarlo nel nuovo ruolo. “Leggendo una descrizione delle funzioni richieste dall’azienda puoi facilmente prevedere le domande che ti verranno poste”, ha detto.

colloquio-di-lavoro-difetto-maggiore
Perché non puoi evitare questa domanda?

Questo è il pericolo nel schivare questa domanda: quando non menzioni alcuna vera debolezza, vieni fuori come insincero – o incapace di autocoscienza. Le persone autentiche che sono disposte a mostrare la vulnerabilità sono probabilmente il tipo di candidati che gli intervistatori più vogliono assumere. Naturalmente, la tua risposta dovrebbe possedere un difetto, ma dovrebbe anche essere calcolato. È meglio se la tua debolezza non è centrale per il successo stesso del business. Vuoi mostrare vulnerabilità; non vuoi rivelare che sei mal equipaggiato per il lavoro. Quando ti viene chiesto qual è il tuo punto debole più grande, ciò che ti viene chiesto è quali sono le maggiori lacune nello sviluppo professionale e in che modo stai affrontando queste lacune. Finché questa domanda continua a essere posta, dovrai prepararti una risposta.

Leggi anche: Colloquio di lavoro: Ecco le 7 domande che Google ha vietato ai colloqui