Tecnologia

Custodia telefono: questa astuta custodia si apre quando cade il telefono

L’incubo di tutti è veder cadere il telefono dalle proprie mani. Inizia il panico, si corre per cercare di prenderlo per sperare di salvarlo e capire se tutti i pezzi sono intatti. Un momento in cui tutto si ferma e con il cuore in gola si teme il peggio. Il ronzio del mondo intorno a te è silenziato, tutte le cognizioni si fermano, vedi come al rallentatore la piroetta del tuo pezzo elettronico da 700 dollari va verso il cemento. Ecco che entra in gioco l’aibeg per telefoni cellulari. Se sei fortunato, il dispositivo può ancora essere riparato. Se sei sfortunato devi investire in un nuovo smartphone. Per evitare questo, Philip Frenzel, uno studente dell’Università di Aalen, ha inventato una specie di airbag per telefoni cellulari. Per il suo lavoro è stato premiato dalla Società tedesca per la meccatronica.

telefono-airbag-custodia

Leggi anche: Cellulari 2018, nuove proposte e consigli per l’acquisto

L’idea di Philip Frenzel

Il caro telefono cellulare ti sfugge dalle mani e si schianta sul pavimento? Un giovane di Aalen ha inventato un dispositivo di cui non dovresti aver paura. Philip Frenzel, 25 anni, ha in mano uno smartphone costoso. Da un’altezza di circa 70 centimetri, lo fa cadere sul tavolo. Sulla strada per il tavolo si aprono quattro piedini leggeri in metallo e plastica e assorbono l’impatto. Attraverso un guscio sottile, il telefono scende delicatamente da un’altezza fino a un metro a terra. “Gli ammortizzatori sul retro si piegano come un temperino e si diffondono”, dice l’inventore. Philip Frenzel ha sviluppato una custodia protettiva “attiva” per lo smartphone, che riconosce la caduta libera con sensori integrati e estende istantaneamente quattro elementi di smorzamento. Frenzel combatte contro l’app Spider. Questo è il nome dato al display frammentato dopo una caduta. Perché sembra una ragnatela.

L’idea per la sua invenzione viene dalla stessa esperienza di Frenzel. Aveva sbadatamente gettato la giacca sopra una balaustra. Il nuovo iPhone è caduto dalla tasca della giacca. La caduta libera, un intero piano in giù, non sopravvisse al nuovo smartphone. La costosa sostituzione del display frammentato ha funzionato per ben due settimane, poi tutto era di nuovo nero e l’iPhone chic si è appena rottamato.“L’incidente ha causato il crollo di tutta l’elettronica”, afferma Philip Frenzel, che sta attualmente completando il master in meccatronica all’Università di Aalen. Per il follower il telefono aveva una protezione più stabile. Ma il venticinquenne non era soddisfatto delle sue ricerche all’epoca. “Imballare l’iPhone con il suo design estetico in un grosso involucro esterno non è divertente,” dice Frenzel e ride. E dal momento che la necessità è la madre dell’invenzione, non la lasciò andare. Si sedette al banco di lavoro locale nel seminterrato, ed elaborò l’idea. Nel frattempo, quattro anni dopo, il risultato di questo sforzo è sfociato in una tesi di laurea di alto livello che lo portò a richiedere un brevetto.

telefono-airbag-custodia

Leggi anche: Tecnologia android: Walabot guarda attraverso i muri

Come fa l’Airbag ad attivarsi?

Frenzel, non ama compromettere l’estetica del suo telefono con un brutto guscio protettivo, ma gli piace ancora meno il volto frantumato che inevitabilmente deriva da una brutta caduta. Ha avuto modo di lavorare al progetto e il meccanismo di attivazione è arrivato in anticipo: sensori che rilevano quando il telefono è in caduta libera e attivano il passaggio successivo. Ma quale era quel passo? Nel suo armeggiare, inizialmente pensò di installare un vero e proprio meccanismo di airbag sul telefono. Ma quello, e un’alternativa basata sulla schiuma, e pochi altri, semplicemente non si dimostrarono pratici. Finalmente l’ispirazione ha colpito. Invece di qualcosa di morbido, perché non qualcosa di elastico? O forse molle..

Come si vede sopra, ciò che è arrivato è un set di otto sottili riccioli di metallo che normalmente giacciono piatti all’interno della custodia. Ma quando vengono rilasciati, escono e si accartocciano, proteggendo i bordi del telefono dall’impatto e ammorbidendo il colpo considerevolmente rispetto a un punto fermo sul cemento. Quando raccogli il tuo (si spera non danneggiato) telefono, ripiegano semplicemente le molle nelle loro fondine, innescandole per il loro successivo dispiegamento.

Leggi anche: Tecnologia: l’iPhone X di Tesla da $ 4000 ha la sua batteria solare