Lifestyle

Giocattoli anni ’80! Qual era il vostro preferito?

Avete presente quando vi capita di ripensare al passato e di colpo venite investite dai ricordi di quando eravate piccoli?

Ci sono oggetti, giocattoli e trend che segnano un’epoca, e quella dei Millennials sono i mitici anni ’80. Più di un decennio di spensieratezza, dove l’Italia attraversava un momento di benessere e aveva inizio l’avvento delle tv commerciali: quindi giochi, pubblicità e cartoni animati hanno caratterizzato quella che per molti di noi è stata un’infanzia senza il digitale, ma con i primi sentori tecnologici legati a giochi didattici e divertenti.

Leggi anche: App educative per bambini: è nata Marshmallow Games

gira-la-moda-gioco

 

Brivido vs App Digitali

Negli anni ’80 spopolavano i giochi da tavola come Brivido e Gira la Moda. I bambini di nuova generazione guarderanno questi “cosi vintage” con uno sguardo torvo, storcendo forse un po’ il naso. Abituati come sono ad App dedicate dove possono colorare, fare logica, prendersi cura di un animale e perfino giocare online con altri coetanei in giro per il mondo contemporaneamente, i giochi vintage ai quali la nostra generazione era abituata sembreranno a dir poco strani.

Eppure quanta nostalgia per quel castello nero da costruire, per quegli abiti da disegnare e colorare! Il tutto condito dalla colonna sonora delle canzoni di Cristina D’Avena, che ancora oggi registra il tutto esaurito nelle varie tappe dei suoi concerti, riproponendo con successo le sigle cult di allora.

Tablet, device e dispositivi hanno messo da parte i giochi più ordinari nella naturale evoluzione delle cose.

Gli stessi social network hanno resi tutti noi interconnessi anche con chi in realtà non conosciamo. Eppure quanta soddisfazione quando, dopo una serie mirata di domande, riuscivamo a capire chi era il personaggio misterioso ad Indovina Chi?

Leggi anche: Tecnologia: Bill Gates vieta il telefono alla figlia quattordicenne

giochi-anni-80

 

In tempi sono cambiati

Per non parlare del mitico Game Boy. Oggi si dà tanta importanza al corretto utilizzo del mouse, altrimenti il rischio è quello di contrattare tendiniti e infiammazioni. Ma ci siamo dimenticati i pollici roventi dei piccolissimi bottoni del videogioco? Quanta soddisfazione al termine di una partita! Confrontando il game boy ai videogiochi contemporanei sembra di parlare di preistoria. I giochi digitali poi hanno raggiunto performance così elevate da poter essere paragonati a vere e proprie produzioni cinematografiche visti gli effetti speciali, la narrazione e la musica della colonna sonora.

Insomma, i tempi sono decisamente cambiati. Per i nostri figli saranno i dispostivi digitali quelli che procurano loro nostalgia. Nel frattempo crogioliamoci nei ricordi e scegliamo qual è stato il giorno che ha segnato per sempre la nostra infanzia e che vorresti magari rivedere sullo scaffale di un supermercato.

Leggi anche: Tessuto tech per gli abiti dei bambini: ecco la collezione Petit Pli per bambini da 4 a 36 mesi