armani

Giorgio Armani rompe con la tradizione e investe sull’innovazione tecnologica

Il Re della moda italiana, famosissimo in tutto il mondo, garantisce che non venderà mai la sua azienda. Altri colleghi l’hanno già fatto, ma lui preferisce andare a lavoro tutti i giorni cercando di migliorare sempre ciò che ha fatto in passato. E di preservare i suoi successi, garantendo continuità e prosperità. Per far questo le scelte da  effettuare sono difficili, eppure Re Giorgio non molla e pensa a soluzioni che possano ampliare il suo brand, strizzando l’occhio alle nuove tecnologie. La longevità infatti non è frutto di fortuna, ma di una lunga serie di strategie e investimenti che hanno portato lo stilista a ricoprire il ruolo di imprenditori talmente bene da arrivare a fatturare 2,5 miliardi di euro. La passione che ha sempre messo nella sua azienda di moda sposa adesso nuove opportunità, che vanno da una riorganizzazione interna, ad un ampliamento del marchio, all’investimento sul digitale.

Leggi anche: Innovazione digitale e crociera, arriva il progetto MSC for Me

armani

La Fondazione

Giorgio Armani confessa la dedizione al suo lavoro, ma soprattutto la responsabilità che sente verso le 8mila persone che di fatto sono 8mila famiglie che lavorano nella sua azienda. “Io sono me stesso e non potrei mai essere diverso da così» ama ripetere nelle sue interviste. I cambiamenti riguardano in primo luogo la realizzazione concreta della Fondazione omonima, la quale per ora ha lo scopo di garantire equilibrio nella Giorgio Armani s.p.a e reinvestire i capitali in in beneficienza, ad associazioni che si occupano di bambini e di anziani bisognosi, così come dell’urbanistica, dello sport e della educazione dei giovani.
C’è poi la decisione di investire sul digitale, cosa finora non effettuata al fine di aprirsi alla nuove tecnologie come supporto e strumento per un nuovo futuro.

Leggi anche: Economia digitale italiana ancora troppo pigra

Investimenti nel digitale

Nei prossimi progetti è in arrivo un nuovo manager che sia esperto di contenuti digitali e ecommerce, ma di cui non si conosce ancora il nome. Finora infatti il brand ha peccato di comunicazione in questo settore. Lo stilista dichiara che in ambito digitale sono stati fatti investimenti, anche se non particolarmente comunicati all’esterno dell’azienda. Si parte quindi da un nuovo sito, completamente ristrutturato, dove saranno presenti i marchi Giorgio Armani e Emporio. Un ulteriore progetto rinnova il contratto con Ynap e un investimento di 10 milioni di euro ha interessato una piattaforma dove allestire un centro di produzione per i contenuti digitali dove sarà possibile creare e pubblicare contenuti fotografici e video. Il grande progetto di rinnovamento andrà in scena nella primavera 2018. L’ennesimo traguardo di Re Giorgio.

CONDIVIDI