terremoti

I geofisici predicono più terremoti nel 2018

86

Durante il 129esimo incontro annuale della Geological Society of America, tenutosi a Seattle dal 22 al 25 ottobre scorsi, si è dibattuto a lungo sulla situazione della crosta terrestre e i suoi spostamenti.
Due geofisici hanno presentato una teoria, pubblicata anche sul Geophysical Research Letters, dove hanno dimostrato che i terremoti più forti sembrano avvenire ogni 32 anni di media. Le cause di questo intervallo e la concentrazione degli smottamenti terrestri sarebbe da indurre al movimento terrestre, che cambia la durata del giorno e conseguentemente anche il campo magnetico terrestre. Essendo legato al movimento del ferro fuso, le sue variazioni possono interessare anche il mantello terrestre, ripercuotendosi su piccoli spostamenti nella litosfera, parte più esterna della crosta terrestre.
Questo ipotizzando che ciò che succede al nucleo interno della Terra potrebbe avere ripercussioni sulla nostra superficie.

Leggi anche: Siamo sovrastati da 100 milioni di buchi neri, ma la Terra non è in pericolo

terremoti

Quando tremerà ancora la Terra?

Prevedere quando la Terra tremerà sarebbe una utilissima scoperta scientifica, ma difficile da attuare.
Un’altra teoria ha ipotizzato che i piccoli rallentamenti della Terra, che poi accelera di nuovo, producono terremoti anche molto violenti. Roger Bilham, professore all’Università del Colorado e co-autore della ricerca, ha spiegato come il fenomeno del rallentamento-accelerazione della Terra può divenire un pericolo: “Il fenomeno porta ad un aumento da 2 a 5 terremoti rispetto alla media. L’incremento dei sismi avviene circa 5 anni dopo l’inizio del rallentamento. Un dato importante nel campo della previsione dei sismi a lungo termine”.
Per questo il prossimo anno, 2018, dovrebbe essere l’anno in cui i terremoti si incrementano, arrivando fino a 5 in più della media normale che è di 18.

Leggi anche: La vita oltre la Terra: la Nasa continua a scoprire pianeti abitabili

terremoti

Le teorie più accreditate

Durante l’incontro della Geological Society of America si è molto discusso a proposito di quanto sia difficoltoso e inesatto l’ambito della previsione dei terremoti. Nonostante siano molti gli esperti e i tecnici al lavoro in tutto il mondo, la precisione assoluta con cui si prevede, e quindi si salvano vite da  un terremoto, è molto vaga e variabile.
Entrambe le teorie hanno avuto credito nel settore, per cui verranno analizzate e ulteriormente approfondite, non solo dalla Geological Society of America, ma da tutte le associazioni di geologi sparse nel mondo e interessate a studiarle per capire possibili sviluppi ed intervenire scongiurando tragedie.

CONDIVIDI
Roberta Montella
Leggere le piace, scrivere ancor di più. Dopo due Università, un Master e numerose redazioni, è Content Editor di Business.it, un portale che esprime tutta la sua curiosità per i nuovi media e l’innovazione tecnologica. Adora il cinema, odia la superficialità. Usa la tastiera come tappeto magico per esplorare a fondo l’intero mondo digitale.