Lifestyle

Information management: Plurima acquisisce Bridge Technologies

Plurima, leader di mercato nella gestione documentale e nei servizi di logistica sanitaria integrata, ha acquisito la maggioranza di Bridge Technologies s.r.l.

L’acquisizione darà spazio a notevoli vantaggi come la creazione di una moderna offerta di servizi, più innovativa, e rivolta a rafforzare entrambe le realtà.

Plurima è un’azienda in crescita (vanta un fatturato di 23,5 milioni di euro in crescita e 440 dipendenti), volta alla ricerca di servizi sempre efficaci nella gestione documentale, nella esternalizzazione dei processi amministrativi nella fornitura di servizi e processi tecnologici e di back office amministrativo, oltre a servizi di logistica sanitaria integrata.

Leggi anche: Innovazione tecnologica in sanità, le novità e i punti di svolta del settore

strategia impresaSviluppo integrato e territoriale

L’accordo si rivolge a differenti ambiti tra cui sanità, finanza, banche, Pubbliche Amministrazioni, e le aziende pubbliche e private, per garantire uno sviluppo integrato sul territorio. 

L’acquisizione di Bridge Technologies è volta a sviluppare e diffondere migliore produttività aziendale, ottimizzando le risorse di gestione di entrambe le attività.

Luca Marconi, A.D. di Plurima, si ritiene soddisfatto dell’acquisizione e afferma che: “Il nostro obiettivo è continuare a crescere e innovare e, grazie a questa importante partnership, entriamo in maniera decisiva in un settore in forte espansione e con grandi potenzialità. I punti comuni del nostro Gruppo e di Bridge Technologies sono la grande affidabilità delle soluzioni e la costante attenzione al cliente: questo ci rende ancor più soddisfatti dell’acquisizione che ci fa credere in una forte crescita per il futuro. Il percorso di crescita del Gruppo Plurima prosegue secondo un Piano Industriale che coniuga crescita interna con crescita per linee esterne e con una strategia volta sia al rafforzamento in ambito territoriale, che alla proposta di servizi sempre più complessi e innovativi”.

Leggi anche: Innovazione: le 10 tecnologie più innovative di oggi

gabriele-ferrieri-angiUna partnership proficua

Dello stesso parere sono i soci fondatori di Bridge Technologies, Francesco Tito, Davide Fabbri e Roberto Risso, che affermano: “Tra i tanti player abbiamo scelto di affidarci proprio a Plurima, perché tra i loro valori fondanti c’è la garanzia di autonomia e continuità del nostro management aziendale. L’esperienza e la visione che avremo a disposizione con l’ingresso nel Gruppo Plurima ed il forte know how che abbiamo acquisito negli anni, ci renderanno più competitivi e più forti sul mercato“.

Leggi anche: Occupazione settore tecnologico: la diversità come chiave di sviluppo