Lifestyle

L'artigianalità e il mondo digitale: due realtà verso lo stesso futuro

I bambini e il digitale: le nuove generazioni incontrano la tecnologia e l’innovazione fin dai primissimi mesi di vita. Come educarli ad oggetti e giochi che stimolano la loro crescita in modo naturale?
Ci ha pensato la start up Family Nation, di Nanabianca, che grazie al crowdfunding ha proposto una piattaforma ecommerce articoli prodotti sostenibili dedicati ai più piccoli. Visto il grande risultato di questa campagna, è stato sviluppato un progetto di nome Billybu, che ha già ottenuto un grande successo: si occupa connettere la rete degli artigiani con le famiglie che desiderano giochi adeguato all’età dei loro bambini.
Il servizio è in abbonamento, si tratta di un nuovo modello di ecommerce: ogni mese arriva un pacco con il gioco esclusivamente dedicato al piccolo di casa. Questo progetto sottolinea l’importanza dell’integrazione tra artigiani, creatività, tecnologia, sostenibilità, scienza  e tradizione. 

Leggi anche: Lavoro 3.0: le professioni più richieste nel settore del digitale

artigianalità

La creatività, anima dell’uomo, è insostituibile

Non è quindi scontato che le macchine o l’intelligenza artificiale soppiantino del tutto il mondo artigiano. Nel progetto Billybu i mestieranti coinvolti supportano valori come sostenibilità e un’ottima preparazione pedagogica. La creatività umana non potrà mai essere sostituito da un robot e questi progetti lo evidenziano in maniera importante. Un altro esempio importante è rappresentato dal brand Berto Salotti. Azienda di divani fatti su misura da artigiani della Brianza, punta sulla qualità e la cultura del suo luogo d’origine, utilizzando però strumenti digitali: raccoglie le richieste mondiali di divani fatti su misura attraverso un commercio elettronico molto raffinato e competente. Non né questo un esempio calzante di artigianalità perfettamente integrata all’innovazione digitale? 

Leggi anche: Milano Design Award, Panasonic si aggiudica il Best Storytelling Award

L’artigianìa nel prossimo futuro

Lontani dall’ideologia fordiana della produzione in serie, l’Europa cerca di dare prestigio ai suoi artigiani attraverso una fiera a tema, la “Settimana europea delle competenze professionali: Scopri il tuo talento”, in programma dal 20 al 24 novembre, promossa proprio dalla Commissione Europea.
Certo la tecnologia digitale aiuta, ma ci vuole lungimiranza nel saperla scegliere e strumenti che la supportino, come qualità del prodotto, narrazione intelligente, il servizio on demand, la personalizzazione.
A questo proposito si esprime Andrea Granelli, fondatore di Kanso (ocietà di consulenza direzionale che si occupa di innovazione e change management) che predice: «Tra i nuovi mestieri ci sarà un maggiore ricorso all’artigianìa come cura, riparazione, aggiornamento degli oggetti, in relazione anche al fenomeno dell’economia circolare».