Lifestyle

Ricerca del lavoro: 14 consigli indispensabili per chi cerca lavoro oggi

La ricerca del lavoro è un “lavoro” vero e proprio: richiede un investimento di tempo, talvolta un minimo di risorse, ma soprattutto pazienza e costanza, che sono le principali doti da mettere in campo affinché si possa trovare l’occupazione lavorativa desiderata. Come vi abbiamo già detto qui, del resto, è importante avere una strategia ben specifica affinché la ricerca del lavoro possa avere esito positivo. Un tempo i canali erano prettamente due: quelli informali, come amici, e i giornali con i loro annunci. Oggi, invece, grazie al mondo digital possiamo disporre di una miriade di piattaforme per la ricerca del lavoro e far leva anche su social network specifici come, ad esempio, LinkedIn. Del resto, utilizzare i social media per rimanere connessi, visibili e impegnati nella propria rete è fondamentale per il successo della ricerca di lavoro oggi, nel 2018.

Creare un’identità digital

Per la ricerca di lavoro oggi è fondamentale saper fare networking: è il modo migliore di ampliare la nostra rete di contatti. Social network come LinkedIn e Facebook ci permettono di accedere a un illimitato numero di contatti e aziende potenzialmente interessate al nostro profilo professionale. Ecco perché migliorare il proprio profilo Linkedin e renderlo efficace è importante quanto avere un buon CV. Ricercare pro-attivamente il lavoro contattando, anche solo per richiedere informazioni, tutte le aziende e professionisti che potrebbero beneficiarsi delle tue competenze. Se pensi che il tuo profilo sia adatto ad una determinata azienda contattala direttamente, cerca di conoscere il nome dell’addetto alla selezione del personale e invia la candidatura di tua iniziativa. Il successo dipende tutto da te e da come riesci a fare marketing di te stesso.
Leggi anche: 4 modi per migliorare le tue competenze strategiche

14 consigli indispensabili per chi cerca lavoro oggi

Qui di seguito, al fine di ottenere una strategia migliore per la ricerca del lavoro, elenchiamo i 14 punti da fissare e non dimenticare mai, per nessun motivo:

  1. Non sopravvalutare la tecnologia – L’intelligenza artificiale è un grosso problema per il reclutamento di oggi, con molte persone che sostengono che i chat-bot come Mya ti possono aiutare a ottenere il prossimo colloquio. Probabilmente i chat-bot non aumenteranno le possibilità di ottenere un posto posto di lavoro.
  2. Pensa in grande per ottenere nuove esperienze – Non pensare mai che una cosa non possa servirti. Tutto torna utile nella società odierna. Un’azione di volontariato, un concerto, un lavoro anche non pagato per una volta può essere una buona base per crearti l’esperienza necessaria ad accrescere il tuo curriculum vitae.
  3. Dinamico e coinvolto – La ricerca di lavoro odierna non richiede il metodo passivo.  Networking, consulenza, formazione, sviluppo professionale e promozione dei social media. Prendi ogni opportunità possibile per costruire il tuo brand.
  4. Racconta le tue esperienze – Secondo Jessica Dillard di Dillard & Associates è ora di smettere di trattare il proprio curriculum come un documento ufficiale. Invece, usa le tue varie esperienze per creare storie che dimostrino i tuoi risultati. Ad ogni passo, cerca di avvicinarti alla tua ricerca di lavoro come una “collaborazione collaborativa e coinvolgente”, dice Dillard.
  5. Il tuo telefono, il tuo migliore amico – Il tuo smartphone è un aiuto inestimabile nella ricerca del lavoro. Scansione di documenti, invio di e-mail, invio di domande, completamento di valutazioni: puoi fare tutto tramite il tuo telefono. Puoi anche utilizzare il tuo smartphone per scopi di sviluppo professionale accedendo a corsi e programmi online.
  6. Collezione di titoli di studio, è davvero necessario? – Non affannarti a collezionare titoli di studio. La teoria va bene fino a un certo punto, poi bisogna mettere in atto la pratica.
  7. Creare una squadra – Spesso si ricerca un gruppo anziché il singolo anche per delle semplici “commesse” su cui lavorare. Si potrebbero trovare alcuni professionisti affini per avviare un gruppo di “partnership di carriera” e dividere il costo di un career coach.
  8. Supera gli ostacoli – Secondo quanto riportato dalle agenzie americane oltre il 70% dei Curriculum Vitae non superano il primo step poiché non “coincidono” con gli annunci di lavoro. Cerca di creare al meglio il tuo CV.
  9. Attivo sui social media – Avere un profilo non basta. Devi essere un utente attivo a livello “sociale” per poter farti notare e creare delle aspettative su di te.
  10. Fatti referenziare – Molti datori di lavoro richiedono almeno tre persone che garantiscano per voi le vostre competenze. Si raccomanda di avere fino a sette persone che sono pronte a parlare bene di te. Dovresti sapere cosa diranno questi riferimenti se contattati e riguardo quali dei tuoi punti di forza potranno parlare in modo più efficace.
  11. Guarda alle start-up – Certo, i grandi nomi si fanno apprezzare. Dire di lavorare per una multinazionale è sempre bello. Ma per cercare lavoro e ottenerlo potrebbe bastare anche guardare alle start-up e le aziende più piccole. A volte risulta anche meglio…
  12. Cambia velocemente – Impara velocemente. E cambia. Non accontentarti mai. Perché nel 2021 quelle che oggi ci sembrano competenze sufficienti non lo saranno più…
  13. La tua immagine su Google – I recruiter cercano quotidianamente il tuo nome sui profili social ma anche nelle ricerche organiche di Google. Cerca di curare al meglio la tua immagine e far sì che siano sempre risultati positivi quelli in cima…
  14. Aggiorna sempre il curriculum – Crea un elenco esaustivo delle tue realizzazioni professionali, gli sviluppi di carriera che hai completato, i risultati che hai raggiunto e gli impatti positivi delle tue azioni sul lavoro.  Queste cose contribuiranno a modellare la tua visione del futuro, a ridarti fiducia nei momenti difficili e a costruire il tuo curriculum vitae. Mattoncino dopo mattoncino.

Leggi anche: I genitori hanno migliore sviluppo professionale grazie ai figli