Lifestyle

Richard Branson: il miglior consiglio di carriera in 10 parole

Richard Branson è un imprenditore, un visionario e una persona che ama il rischio che ha potuto accumulare una fortuna di 4 miliardi di euro. Egli ha creato una delle più grandi società esistenti al mondo: tutto iniziò con la sua giovane attività 3 decadi fa, la Virgin. Per molti aspetti Richard Branson è il prototipo dell’imprenditore. Da quando ha fondato il gruppo Virgin 46 anni fa, ha supervisionato centinaia di aziende nel mondo, in una vasta gamma di settori, che portano il nome Virgin. Inoltre è noto per essere un capo compassionevole e un’icona dell’imprenditoria.

Branson è riuscito a sviluppare la sua reputazione di “rischia tutto” e di una persona che trae divertimento da ogni cosa che faceva. Non c’è differenza tra il modo in cui affronta i rischi nell’ambito professionale e in quello privato. Richard Branson è l’unico impresario capace di aver creato otto imprese milionarie in otto settori diversi e senza un titolo in Economia. Branson afferma: “Quando ho creato la Virgin in un seminterrato nella zona ovest di Londra, non avevo nessun grande piano o strategia. Non avevo intenzione di creare un impero… Per me avviare un’attività significa fare qualcosa di cui andare orgoglioso, riunire persone di talento e creare qualcosa in grado di fare la differenza nella vita di altre persone”.

richard-branson-consigli-carrieraPartiamo però dal principio

1968, Branson, sedicenne, lascia la scuola per creare il suo primo business: Student, un magazine in grado di dare voce ai giovani coprendo argomenti che svariavano dalla cultura pop alle guerre in Vietnam e nel Biafra. A garantirgli il successo sarà però la musica. È il 1970 e i miglior anni della musica rock stavano iniziando a dare i loro frutti. Branson fondò allora la Virgin, un punto vendita di dischi musicali in grado, nel giro di due anni, di espandersi aprendo negozi in tutta l’Inghilterra.

Parlando della storia del primo negozio Richard Branson racconta: “Nel nostro negozio c’erano cuscini per terra, si sentiva un intenso odore di marijuana e i clienti venivano serviti da commessi competenti (avevano tutti i capelli lunghi). L’ambiente era in netto contrasto con l’atmosfera noiosa che si respirava presso gli altri leader del mercato discografico. Il giorno dell’apertura, fuori dal negozio si formò una coda che proseguiva per tutta Oxford street, per arrivare fino a Tottenham Court road. In quel momento capimmo di aver creato qualcosa che sembrava piacere alla gente.

Il vero successo arriva da lì a poco. È infatti la nascita dell’etichetta musicale Virgin Records a cambiare la storia. Il vulcanico imprenditore britannico riuscì a scovare artisti come i Sex Pistols e i Genesis, solo per citarne due. L’etichetta ebbe un successo pazzesco e nel 1992 venne venduta alla EMI per l’astronomica cifra di mezzo miliardo di sterline.

Durante gli anni della Virgin Records, nel 1984, Branson decide di ampliare i propri orizzonti e crea Virgin Atlantic: una linea aerea transatlantica in chiara opposizione alla più potente British Airways. Ciò che ha fatto la differenza, secondo lo stesso Richard Branson, sono state le persone. Gli aerei volano tutti allo stesso modo, gli interni sono molto simili e l’intrattenimento e il cibo non sono molto dissimili. Ciò che favorisce il successo di una compagnia aerea è lo staff di bordo e l’atteggiamento nei confronti dei passeggeri. Questo, racconta nei suoi libri, è stato il fattore critico di successo che ha permesso a Virgin Atlantic di farsi strada tra i giganti del settore.

Leggi anche: Come affermarsi: le persone di successo sono lettori

Come nasce il nome Virgin

L’unicità del marchio adottato dalla Virgin è uno dei fattori che hanno contribuito al successo dell’azienda. Branson garantisce che il nome “Virgin” sia sinonimo di valore aggiunto, qualità del servizio e approccio fresco e piacevole. 

La gente chiede continuamente a Branson come sia nato il nome “Virgin”. Da adolescente, ha chiamato la sua compagnia “Virgin” perché non aveva una vera esperienza nel mondo degli affari. Branson fa notare che, la parola inglese silent (silenzioso) è un anagramma della parola listen (ascoltare). L’unico modo per ascoltare una persona è rimanere in silenzio, senza interrompere o pensare alla prossima frase da dire. Branson non si sposta mai senza portare con sé un taccuino dove annotare ciò che sente dire dagli altri e poterlo così ricordare. È la sua arma segreta, poiché lo stimola ad avere nuove idee.

Vive su un’isola di 74 ettari chiamata Necker Island e passa le sue giornate a fare surf, escursioni e altre attività all’aria aperta, il tutto mentre gestisce il suo impero nel tempo libero. E’ fantastico vedere le vite che ha influenzato Branson ed è ancora più bello il fatto che stia conducendo il suo lavoro con grande gioia. Richard Branson è dislessico, il che vuol dire che ha problemi nella lettura e spesso confonde parole e lettere, tuttavia è riuscito a mettere insieme una fortuna di 4 miliardi: pensi che l’abbia fatto rendendo le cose difficili?

Branson si vanta della sua abilità nel mantenere le cose semplici e, come imprenditore, è esattamente ciò con cui dovrai fare l’abitudine. Mantieni le cose più semplici che puoi perché è grazie a questo che vedrai arrivare denaro. Dovrai imparare a trasmettere le tue idee, i tuoi prodotti e i tuoi servizi nella maniera più facile e chiara possibile.  Fondamentali per il successo di Branson sono stati anche altri fattori. Tra questi troviamo passionesemplicitàinnovazione e flessibilità.

Leggi anche: Uomini più ricchi del mondo: cosa facevano gli imprenditori di successo prima della fama

Il miglior consiglio di carriera in 10 parole

“Non guardare mai indietro nel rimpianto, passa alla prossima cosa”. Esatto: il miglior consiglio di uno degli imprenditori di maggior successo di tutti i tempi non ha nulla a che fare con la garanzia di finanziamenti, o la tendenza sui social media, o l’assunzione della squadra perfetta. Si tratta di mentalità. In altre parole, sei uno specchio della tua attività, ed è uno specchio di te. Concentrarsi sul passato spesso ti terrà (e il tuo business) impantanato nel fallimento piuttosto che nel successo.

Per molti, questo forward-focus è più facile a dirsi che a farsi. Soprattutto se sei un perfezionista, può essere facile ossessionare su qualcosa che hai fatto di sbagliato, o soffermarti sui rimpianti che hai. “La quantità di tempo che le persone sprecano abitando sui fallimenti piuttosto che mettere quell’energia in un altro progetto mi stupisce sempre”, dice Branson. Il rammarico impedisce la capacità di riprendersi da eventi di vita stressanti estendendo la loro portata emotiva per mesi, anni o vite.”

La frase chiave è “estendere la portata emotiva”. Una cosa è fare un errore e subirne le conseguenze; è un altro estendere l’impatto di quell’errore soffermandosi su di esso. Fortunatamente, Branson non si limita a delineare il problema, ma dà la soluzione: passa alla prossima cosa. Un semplice trucco per questo è quello di andare letteralmente avanti. Spostare fisicamente il corpo e respirare profondamente può interrompere i modelli di pensiero tossici. Spendi la tua preziosa energia e attenzione andando avanti, senza voltarti indietro. È il motto della famiglia Branson.

Leggi anche: Strategie di successo: ecco la regola delle 5 ore, cos’è e come usarla