regola-delle-cinque-ore

Strategie di successo: ecco la regola delle 5 ore, cos’è e come usarla

Siamo tutti così ossessionati da produttività ed efficienza che spesso rispondiamo all’ultimo stimolo ricevuto anziché concentrarci su quello che ci consente di compiere reali progressi. In questo scenario, è sufficiente dedicare qualche ora alla settimana ad attività intenzionali per fare la differenza. In un mondo in cui la competizione è all’ordine del giorno, per avere un vantaggio competitivo è necessaria, oltre a sfruttare le sensazioni positive già presenti in noi, una pratica quotidiana che ci fa crescere come individui prima, e lavoratori poi. Per ottenere questo vantaggio, l’imprenditore e inventore Benjamin Franklin era solito investire un’ora al giorno nella propria crescita. Da lui si fa derivare la regola delle cinque ore, che recentemente è rimbalzata da blog in blog come l’antidoto alla catastrofe che stiamo vivendo.

Cosa serve davvero per diventare di classe mondiale nel mondo del lavoro? Negli ultimi anni c’è la tendenza di esplorare la storia personale di molti uomini d’affari molto ammirati come Elon Musk, Oprah Winfrey, Bill Gates, Warren Buffett e Mark Zuckerberg per capire come applicano i principi della pratica deliberata. Molti di questi leader, nonostante siano estremamente impegnati, accantonano almeno un’ora al giorno (o cinque ore a settimana) per tutta la loro carriera per attività che potrebbero essere classificate come pratica deliberata o apprendimento. Chiariamo questo fenomeno, la regola delle 5 ore. Per i leader sotto descritti, la regola delle cinque ore spesso cadeva in tre bucket: lettura, riflessione e sperimentazione.

Leggi

Il fondatore della Nike, Phil Knight, onorsa così tanto la sua biblioteca che in essa devi toglierti le scarpe e inchinarti. Oprah Winfrey accredita i libri con gran parte del suo successo: “I libri erano il mio pass per la libertà personale”. Ha condiviso la sua abitudine di lettura con il mondo tramite il suo club del libro. Questi due non sono soli. Considera le abitudini di lettura estreme di altri imprenditori miliardari:

Warren Buffett passa da cinque a sei ore al giorno a leggere cinque giornali e 500 pagine di rapporti aziendali. Bill Gates legge 50 libri all’anno. Mark Zuckerberg legge almeno un libro ogni due settimane. Elon Musk è cresciuto leggendo due libri al giorno, secondo suo fratello. Mark Cuban legge più di tre ore al giorno. Arthur Blank, cofondatore di Home Depot, legge due ore al giorno. L’imprenditore miliardario David Rubenstein legge sei libri a settimana. Dan Gilbert, il miliardario autoprodotto che possiede i Cleveland Cavaliers, legge da una a due ore al giorno.

Leggi anche: Idee di business: 6 tra le più bizzarre ma di grande successo

Rifletti

Il miliardario Ray Dalio, fondatore di Bridgewater Associates, uno degli hedge fund più grandi al mondo, è noto per rendere pubblici i propri errori a tutti gli impiegati della propria azienda e programmare meeting con il proprio team per andare a caccia delle radici di quegli errori. Diversi imprenditori di successo dedicano ore ogni giorno a questa pratica. 

Altre volte, la regola delle cinque ore assume la forma di  riflessione e tempo di riflessione. L’amministratore delegato di AOL, Tim Armstrong, investe quattro ore alla settimana nella sua squadra senior. Jack Dorsey è un girovago seriale. Il CEO di LinkedIn Jeff Weiner pianifica due ore di tempo di riflessione ogni giorno. Brian Scudamore, il fondatore della società O2E Brands da 250 milioni di dollari, spende 10 ore alla settimana a pensare. In gergo si chiama lesson learned e consiste nel definire quello che si è imparato da ogni attività andata non proprio secondo le aspettative. Il tempo di pensare è pianificare delle ore per riflettere su quello che facciamo.

Un’altro strumento utile a questo scopo è il journaling, ovvero tenere un diario dei progressi in cui annotare ogni giorno come stanno andando le cose. O semplicemente provare a rispondere ogni giorno a qualche semplice domanda: Per cosa sono grato oggi? Cosa renderebbe oggi una grande giornata? Quali sono tre belle cose accadute oggi? Come avrei potuto rendere oggi un giorno migliore? Cos’è andato storto e come avrei potuto evitarlo? Se non impariamo a ritagliare del tempo per pensare ogni giorno, non saremo mai in grado di focalizzarci sui progressi di cui siamo in cerca.

Leggi anche: Come arrivare al successo: imparare da Elon Musk la chiave del successo

Esperimento

Infine, la regola delle cinque ore assume la forma di una rapida sperimentazione. Google era noto per consentire ai dipendenti di sperimentare nuovi progetti con il 20% del loro tempo di lavoro. Facebook incoraggia la sperimentazione attraverso Hack-A-Months. Il più grande esempio di sperimentazione potrebbe essere Thomas Edison. Anche se era un genio, Edison ha affrontato nuove invenzioni con umiltà. Identificherà ogni possibile soluzione e poi verificherà sistematicamente ognuno di essi. Secondo uno dei suoi biografi, “Sebbene abbia compreso le teorie dei suoi tempi, li ha trovati inutili nel risolvere problemi sconosciuti.” Una startup, prima di avere successo, deve sperimentare diverse soluzioni fino a trovare quella giusta. Bisogna essere sempre focalizzati sul miglioramento di quello che stiamo facendo, con un piano B da parte in caso le cose vadano male.

La potenza della regola delle 5 ore

Le persone che applicano la regola delle cinque ore nel mondo del lavoro hanno un vantaggio. L’idea di una pratica deliberata contro il solo duro lavoro è spesso confusa. Inoltre, la maggior parte dei professionisti si concentra sulla produttività e sull’efficienza, non sul tasso di miglioramento. Di conseguenza, solo cinque ore di apprendimento deliberato a settimana possono distinguerti. Dobbiamo andare oltre il cliché, “L’apprendimento permanente è buono” e riflettere più profondamente su quale sia l’importo minimo di apprendimento che la persona media dovrebbe fare ogni giorno per avere una carriera sostenibile e di successo.

Così come abbiamo dosaggi minimi raccomandati di vitamine, passi ogni giorno ed esercizio aerobico per condurre una vita sana fisicamente, dovremmo essere più rigorosi su come noi, come società dell’informazione, pensiamo alle dosi minime di apprendimento deliberato per condurre una vita sana economicamente. Gli effetti a lungo termine dell’apprendimento NOT sono altrettanto insidiosi quanto gli effetti a lungo termine del non avere uno stile di vita sano. Le persone più impegnate e di maggior successo al mondo trovano almeno un’ora per imparare ogni giorno. Allora puoi!

Come trovare il tempo di seguire la regola?

Dedicare un’ora al giorno a lettura, riflessione e sperimentazione non è proprio immediato, ma possiamo radicare queste attività nella nostra vita un po’ alla volta. Un semplice trucco è pensare alla nostra giornata come a blocchi di dieci minuti. Se all’inizio di ogni ora dedichiamo dieci minuti a leggere, riflettere o sperimentare, al netto delle volte in cui non ci saremo riusciti, alla fine della giornata avremo comunque raggiunto il nostro obiettivo.

Un altro semplice modo di “trovare” tempo per queste attività è dedicare a esse l’intero tragitto casa-lavoro-casa o altri momenti della giornata in cui siamo necessariamente soli, come per esempio in bagno o sotto la doccia. Se invece vogliamo spingere l’ acceleratore sui nostri progetti di crescita personale, altro non abbiamo da fare che alzarci un’ora prima al mattino e dedicare la prima ora del giorno, mentre tutti ancora dormono, compreso il nostro iPhone, a lettura, meditazione scrittura, insomma a quelle attività che ci aiutano a progredire verso la nostra piena realizzazione.

Leggi anche: Come affermarsi: le persone di successo sono lettori

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.