tesla-blackbox-auto

Tesla: nuovo strumento recupero dati blackbox

I dati raccolti in “scatole nere” possono essere lo strumento con cui Tesla Motors può attingere per sviare la responsabilità dell’autopilota, ad esempio avvocati che hanno familiarità con tali casi. I dati presi dai registratori di dati di eventi (EDR), spesso chiamati “scatole nere”, registrano dati come velocità, uso della cintura di sicurezza e posizione del pedale nei secondi prima e dopo un incidente. I dati registrati dagli EDR sono stati comunemente citati nelle aule dei tribunali poiché la tecnologia è diventata standard nelle nuove auto negli ultimi dieci anni.

Tesla sta rendendo un po’ più facile per le persone recuperare i “dati blackbox” dai loro veicoli dopo un crash con nuovi strumenti EDR. Mentre i veicoli di Tesla sono altamente connessi e registrano molti dati, la società non ha utilizzato un EDR (Event Data Recorder), che funge da scatola nera per le auto, per rendere i dati sugli incidenti accessibili ai proprietari o ad altre persone che potrebbero averne bisogno, come le autorità o le compagnie assicurative.

Leggi anche: Tesla news 2018: il business di Elon Musk continua

Il recupero dei dati “black box”

Tesla ha aggiunto un EDR e ha rilasciato questa settimana nuovi strumenti disponibili al pubblico per accedere ai log, che in realtà non includono i “log di autopilota” di Telsa spesso pubblicizzati dopo alcuni arresti anomali. In passato, Tesla ha spesso utilizzato i “registri dati” per difendersi dalle affermazioni fatte dai proprietari che accusavano l’autopilota di Tesla o improvvisi eventi di accelerazione dopo gli arresti anomali nei veicoli Model S e Model X.

Ad esempio, una celebrità sudcoreana ha citato in giudizio Tesla dopo aver affermato che il suo modello X ha accelerato da solo nel suo garage nel 2016, ma la casa automobilistica ha affermato che i registri mostravano che si trattava di un errore dell’utente. In questo caso, Tesla potrebbe mostrare che il pedale dell’acceleratore è stato premuto fisicamente durante l’evento. Questo è il tipo di dati che le persone saranno in grado di vedere  attraverso il nuovo EDR di Tesla, ma non mostrerà alcun dato relativo al pilota automatico.

Originariamente, EDR fondamentalmente registrava solo se gli airbag venivano distribuiti dopo l’evento in caso di incidente. Da allora si sono evoluti in una raccolta di dati più complessa collegata a più sensori e ora NHTSA richiede che raccolga cose come la velocità del veicolo, gli input dall’acceleratore, il freno e lo sterzo, il controllo di stabilità e l’attività dell’ABS e cintura di sicurezza. Questo è il dato che l’EDR di Tesla rilascerà come richiesto da NTHSA e non i dati del pilota automatico o persino le immagini delle telecamere autopilot di Tesla.

Leggi anche: La batteria Tesla impiantata nel South Australia dimostra tutta la sua efficienza nei primi test

tesla-blackbox-autoCome riportato in precedenza, le telecamere autopilota Tesla memorizzano le riprese dopo un incidente come una dashcam. Quelle immagini potrebbero sicuramente essere utili in caso di crash, ma sono state inviate solo a Tesla, anche se Elon Musk dice che Tesla sta lavorando su una dashcam usando le sue telecamere autopilota. 

NHTSA specifica che l’EDR dovrebbe “non includere dati audio e video”. Ma per il resto dei dati sopra menzionati, Tesla sta rendendo più semplice per le persone l’accesso, a condizione che abbiano accesso fisico al veicolo. E per essere chiari, i dati sono disponibili solo in caso di incidente. Con una nuova pagina di risorse sul suo sito Web, Tesla spiega come accedere all’EDR con un adattatore USB CAN (PCAN-USB), la sua imbracatura di recupero e un nuovo software gratuito.  

Leggi anche: Tesla: stazioni di ricarica gratuite ai parcheggi dell’ufficio

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.