Lifestyle

Uber: brevetta un sistema che possa rilevare i passeggeri ubriachi

Per molti abitanti delle città, il servizio di passaggio Uber è un’ancora di salvezza dopo una serata fuori, quando il trasporto pubblico è fuori servizio o semplicemente poco attraente. Tuttavia, un brevetto recentemente depositato dalla società rivela che la nuova tecnologia potrebbe consentire a Uber di identificare gli utenti intossicati e fornire loro un servizio ridotto – o nessun servizio. L’applicazione presentata da Uber all’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti descrive un sistema che misurerebbe quello che definisce lo “stato” dei clienti che utilizzano l’app. Quindi, i passeggeri ubriachi sono un problema per Uber. E sulla base di una domanda di brevetto , l’azienda pensa di aver trovato un modo per risolverlo: basta non dare a persone ubriache. Tuttavia, uno sguardo ravvicinato indica che “ciò a cui Uber è realmente interessato sta rilevando la differenza tra gli utenti di una mente sana e gli utenti che sono sotto l’influenza”, afferma TechCrunch.

uber-app-ubriachi

Leggi anche: Tecnologia: Uber taxi volante in arrivo

Il nuovo metodo di Uber

Uber vuole brevettare un sistema che usa l’intelligenza artificiale per capire se chi sta prenotando una corsa sia ubriaco, così da poter gestire meglio la situazione. Il sistema, si legge nella descrizione del brevetto depositato in Usa, impara il modo in cui una persona usa di solito l’app di Uber, così da individuare comportamenti anomali. L’applicazione descrive un sistema che utilizza l’apprendimento automatico per prevedere lo “stato” di un utente Uber.

Il metodo pensato dalla compagnia considera il fatto che chi è ubriaco scrive più lentamente e con più refusi, clicca in modo meno preciso sui link e ha un passo meno spedito. Ad essere valutati sarebbero anche altri fattori, ad esempio se è giorno o notte, e se chi prenota è in una zona di uffici o di locali notturni.

Leggi anche: Uber continua la sua espansione e lancia il nuovo servizio Uber Rent

In caso di cliente ubriaco

In caso di cliente ubriaco, Uber spiega che potrebbe offrire un servizio diverso. Potrebbe ad esempio avvertire i guidatori e, nei casi più gravi, far prendere la corsa solo ad autisti esperti. Potrebbe inoltre non consentire al cliente di prendere parte a una corsa condivisa con altri passeggeri. L’applicazione non pretende mai di concentrarsi su piloti ubriachi. Invece, presuppone un passeggero eccessivamente “stanco” che “potrebbe avere difficoltà a localizzare il veicolo del fornitore”

Una volta che ha queste informazioni, il sistema lo confronta con la storia di un passeggero con Uber. Quindi, un’abbondanza di errori di battitura, ad esempio, potrebbe non generare nessuna bandiera rossa se un passeggero fa errori di battitura ogni volta che usa Uber. Se il sistema proposto determina che un passeggero si trova in uno stato “insolito”, tuttavia, può quindi regolare il modo in cui Uber risponde alla richiesta di guida. 

Ad esempio, potrebbe: far sapere al guidatore che il passeggero è forse in uno stato insolito, potrebbe abbinare solo il passeggero con un conducente con esperienza nel trattare con persone in stati insoliti, cambiare la posizione del pick-up o del drop-off in un luogo ben illuminato e facilmente accessibile, impedire al passeggero di unirsi a un carpool, scegliere di negare al passeggero un passaggio. Quando la probabilità che un utente sta agendo” in modo inusuale ” è relativamente molto alta, l’utente potrebbe non essere abbinato a nessun fornitore .”

uber-app-ubriachi

Valutare la sicurezza di chiamare Uber

Nella stragrande maggioranza dei casi, chiamare un Uber è uno dei modi più sicuri con cui una persona ubriaca può tornare a casa. D’altra parte, Uber ha incontrato problemi con i conducenti che hanno fatto subire aggressioni sessuali ai passeggeri. La CNN riferisce che almeno 103 guidatori di Uber negli Stati Uniti sono stati accusati di aver aggredito o abusato sessualmente i passeggeri negli ultimi quattro anni, con molti rapporti della polizia che osservavano che i passeggeri erano ubriachi o avevano bevuto prima di salire in macchina.

Comunicare i conducenti quando un passeggero è ubriaco può far sì che i conducenti non riescano a trainare un passeggero fuori controllo o impedire ai conducenti di occuparsi di passeggeri che vomitano nella loro auto, il che potrebbe portare a contestazioni. Ma il sistema descritto in questo brevetto potrebbe anche consentire comportamenti predatori da parte di driver dannosi. Solo il tempo dirà se l’idea di Uber di monitorare lo stato dei passeggeri finirà nell’app.

Leggi anche: Uber: progetta di testare la consegna di cibo con i droni