Lifestyle

Uber: sotto inchiesta federale per discriminazioni di genere

Uber è sotto inchiesta da parte della Commissione per le pari opportunità di lavoro degli Stati Uniti per possibili discriminazioni di genere. L’inchiesta federale sulle pratiche di assunzione della compagnia , sulle retribuzioni, tra gli altri argomenti legati al genere, è iniziata in silenzio nell’agosto 2017. È venuto alla luce lunedì quando il Wall Street Journal ha riferito che gli investigatori EEOC hanno intervistato ex dipendenti di Uber e richiedevano documenti interni . L’EEOC ha affermato che non conferma né smentisce le indagini aperte.

L’indiscrezione del Wall Street Journal, porta sotto la lente le pratiche di assunzione e le discriminazioni di stipendio in base al sesso. Uber, la società degli autisti fai da te che negli ultimi mesi ha dovuto affrontare numerosi scandali fino all’arrivo di Dara Khosrowshahi nello scorso autunno, come CEO del rilancio, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, la U.S. Equal Employment Opportunity Commission avrebbe messo nel mirino la società tecnologica a partire da una denuncia circa le ineguaglianze di genere al suo interno.

 

Leggi anche: Tecnologia: Uber taxi volante in arrivo

Uber, presunte discriminazioni di genere

La società americana Uber, che offre servizi di trasporto attraverso un’applicazione mobile, è al centro di un’indagine federale negli Stati Uniti per presunte discriminazioni di genere. Gli investigatori hanno sentito attuali ed ex dipendenti di Uber, cercando di ottenere informazioni sulle pratiche adottate dalla società per le assunzioni, la disparità nei salari e altri temi legati al genere. La discriminazione di genere in azienda è diventato un ampiamente discusso problema dopo che Susan Fowler, un ex Uber ingegnere, ha pubblicato un account di sessismo e di molestie sessuali che ha vissuto durante il suo tempo lì nel febbraio 2017.

uber-discriminazione-di-genere

Leggi anche: Uber: brevetta un sistema che possa rilevare i passeggeri ubriachi

In una dichiarazione a CNNMoney, Uber ha dichiarato di aver preso diverse misure per affrontare l’uguaglianza di genere, tra cui l’implementazione di una struttura salariale e azionaria basata sul mercato, la revisione delle prestazioni e la pubblicazione di rapporti sulla diversità e sull’inclusione. L’azienda ha inoltre implementato la diversità e la formazione alla leadership per “migliaia di dipendenti a livello globale”. Tuttavia, l’inchiesta evidenzia le sfide che l’amministratore delegato Dara Khosrowshahi affronta nel tentativo di cambiare una cultura ampiamente considerata tossica.

Khosrowshahi, ex CEO di Expedia, è subentrato a fine agosto dopo che la compagnia ha vissuto un periodo di tumulti straordinari. Travis Kalanick, fondatore e ex CEO di Uber, è stato cacciato a giugno. La sua rovina è iniziata quando un ex ingegnere, Susan Fowler, ha scritto di sperimentare sessismo e molestie a Uber. Il suo post sul blog, pubblicato nel febbraio 2017, ha costretto la società ad aprire una “inchiesta urgente” sulla sua cultura del lavoro. La società è stata citata in giudizio dall’ex ingegnere del software Ingrid Avendaño, che afferma di aver subito molestie sessuali, discriminazione razziale e iniquità retributiva. Avendaño se ne andò prima che Khosrowshahi prendesse il sopravvento. Uber ha dichiarato di adeguare gli stipendi per garantire che tutti i dipendenti, indipendentemente dal sesso o dalla razza, siano pagati in ugual misura in base alla loro posizione, al lavoro e al ruolo che svolgono.

Leggi anche: Uber: licenza di prova per lavorare a Londra