bitcoin-volatilità

Valore Bitcoin: come gestire la sua volatilità

Addio al sogno di diventare miliardari in un giorno con la valuta elettronica. Continua infatti il declino del valore del Bitcoin e di altre monete nate sui circuiti web usando la tecnica del blockchain. Il conio elettronico è scambiata ai minimi degli ultimi cinque mesi. 

Molte persone sono stanche della crescente volatilità di Bitcoin e di altre criptovalute. Alcune persone pensano che questo sia solo temporaneo mentre i volumi crescono, la volatilità diminuirebbe, ma alcuni hanno una visione diversa. Secondo alcuni investitori, la volatilità del Bitcoin è in realtà una caratteristica della criptovaluta, piuttosto che un problema a breve termine. Inoltre, secondo loro, è questa volatilità che lo fa aumentare molte volte in un solo arco di un anno. Pertanto, se la volatilità riduce i rendimenti sarebbe anche ridotto.

Se gli investitori privati ​​vogliono investire nella criptovaluta Bitcoin, vengono spesso avvertiti dell’elevata volatilità dei Bitcoin. Chiunque non provenga dal settore finanziario e non conosca il termine in un contesto finanziario può essere confuso su cosa significhi esattamente. I media parlano anche di volatilità in relazione a Bitcoin e lo presentano come un fattore di rischio nel trading.

Inoltre, molti dei media stanno in realtà aumentando questa volatilità per presentare il lato negativo di Bitcoin. La verità è che, se una classe di attività aumenta di oltre 20 volte in un solo anno, può facilmente dimezzare. Questo è esattamente ciò che sta accadendo con la criptovaluta di Bitcoin. Inoltre, molte delle aziende, così come gli investitori, affermano che Bitcoin non è altro che una truffa. Questo non è ancora vero affatto.

Bitcoin determina il suo valore per offerta e domanda che è uguale alla classe azionaria. Inoltre, è interamente decentralizzato e quindi non sarebbe possibile per nessuno controllare l’intera fornitura. Per molti economisti, la volatilità estrema è la ragione principale per opporsi a un investimento in Bitcoin. Il corso è imprevedibile e così volatile che non è per i deboli di cuore.

Perché il Bitcoin è una criptovaluta, ma non una valuta?

Questa nuova criptovaluta, che ha scompaginato il mondo della tecnologia e della finanza degli ultimi anni, ha ancora diversi elementi da chiarire. Per capire, partiamo dal valore di una moneta classica: fino ad alcuni secoli fa, questo derivava dalla quantità di metallo prezioso contenuto all’interno della moneta stessa. Mentre invece oggi non è più così. Cosa dà valore ha una moneta?

Il valore è semplicemente il potere d’acquisto, cioè la quantità o qualità di cosa posso comprare con quella moneta. E il potere d’acquisto a sua volta deriva dalla fiducia che i cittadini hanno in uno Stato che dà corso legale e stampa quella moneta.In altre parole, la fiducia di poter utilizzare la moneta per degli scambi e dei pagamenti fa in modo che questa sia accettata da chiunque.

Tanto più è forte quella fiducia, tanto più la moneta ha valore. La variazione del valore dipende sicuramente dal rapporto che uno Stato ha con gli altri Stati. E ovviamente dalla politica monetaria che decide di attuare: generalmente più soldi vengono stampati e meno la moneta è potente, perché ce n’è una quantità maggiore. I bitcoin attualmente non sono considerabili una moneta vera e propria. Sono una criptovaluta, ma non una valuta. Perché non hanno ancora le caratteristiche tecniche per rientrare all’interno della definizione di moneta.

Leggi anche: Valore Bitcoin: quante volte ha registrato il crollo

Perché il bitcoin è una risorsa volatile?

Il problema principale è la volatilità: i Bitcoin sono estremamente volatili, cioè il loro valore subisce cambiamenti frequenti anche di grande entità; e senza un valore abbastanza stabile non si può parlare di moneta. Ci sono molte storie in cui le persone hanno effettivamente preso un secondo mutuo sulla loro casa al fine di investire Bitcoin al culmine. In realtà soffrono di depressione e altri problemi simili a causa delle enormi perdite nella criptovaluta. I paesi in cui il numero di investitori è alto come la Corea del Sud hanno diverse storie simili nei loro media.

D’altra parte, ci sono anche storie di investitori che avevano investito in Bitcoin qualche anno fa e ora hanno realizzato rendimenti superiori al 1000% in un breve periodo di tempo. Quindi, le storie sono su entrambi i lati della medaglia. Questo è il motivo per cui Bitcoin è in realtà una risorsa volatile che non può solo ridurre la volatilità.

Quindi, per chi sta pensando di investire in criptovalute, è importante comprendere che la volatilità è qui per rimanere. Bisogna capire che, chi sta investendo su valutazioni gonfiate, corre il rischio di subire perdite a breve termine. Tuttavia, se si sta pensando di tenere Bitcoin per un periodo di tempo più lungo, non subiranno alcun problema.

Leggi anche: Criptovalute: il fenomeno del bitcoin spiegato da Raffaele Mauro

Quali sono le cause della volatilità?

Poiché il valore di Bitcoin è determinato esclusivamente dalla domanda e dall’offerta, il prezzo è sempre soggetto a fluttuazioni. Questi sono particolarmente forti quando le notizie negative raggiungono il pubblico. Ad esempio, le notizie di un possibile divieto di scambio di Bitcoin in Cina hanno causato un calo significativo del prezzo.

Non solo gli eventi drastici, ma anche i normali corsi giornalieri di eventi possono provocare fluttuazioni. Questi possono valere tra diverse migliaia di euro al giorno e sono legati alle attività del giorno e del mercato azionario. In un normale giorno di negoziazione, i livelli di volatilità fino al 30 percento non sono nulla di straordinario: un incubo per ogni investitore!

Molti vedono anche un’estrema volatilità come argomento che parla di Bitcoin come possibile valuta chiave o nuova valuta mondiale. La volatilità di Bitcoin, tuttavia, include anche i trend rialzisti, e ce ne sono stati abbastanza in passato per renderlo un investimento utile per molti. Se il prezzo aumenta continuamente per un periodo di tempo più lungo, molti investitori privati sono tentati di saltare sul carro dei vincitori. Ci sono nuovi investimenti che faranno salire ulteriormente il prezzo se realizzati su larga scala. Ad esempio, le grandi aziende hanno il potere di influenzare la volatilità di Bitcoin. Presumibilmente, gran parte della capitalizzazione di mercato di Bitcoin è nelle mani di giganti finanziari, che possiedono il 90% di tutti i Bitcoin.

Qual è il modo migliore per gestire la volatilità dei Bitcoin?

Il fatto è che Bitcoin ha una volatilità estrema e imprevedibile. Chiunque teme questo aspetto dovrebbe stare lontano dal mercato Bitcoin e dalle criptovalute nel suo complesso. Se hai già investito, devi solo occupartene. Se si tratta di un investimento a lungo termine, è importante tenere semplicemente i Bitcoin senza controllare il prezzo ogni giorno. Un atteggiamento rilassato e una prospettiva di aiuto per la longevità: non ha senso impazzire quando il corso cade di nuovo.

Il più grande errore che si può fare in presenza della volatilità del Bitcoin è di farsi prendere dal panico e vendere azioni. La presunta limitazione del danno fa sì che gli investitori scambino i Bitcoin con un tasso euro estremamente negativo e, quindi, perdano l’intero stock Bitcoin.

Anche se il corso consigliato è lungo, è importante essere pazienti – ogni correzione del percorso è solitamente seguita da un nuovo massimo. Naturalmente, l’osservazione del mercato non può far male, ma dovrebbe essere mantenuta una sana distanza dall’analisi giornaliera dei valori. La volatilità non è male di per sé e fa parte della natura delle cose. Pazienza o destrezza è il modo migliore per gestirlo. Non c’è motivo di dissuadere da un acquisto Bitcoin.

Pronostici sui prezzi del Bitcoin 2018

I prezzi dei bitcoin nel 2018 sono stati contrassegnati da una volatilità che ha reso la previsione dei prezzi del bitcoin a breve termine un po’ una sfida, anche per gli analisti esperti. Al momento della stesura di questo articolo, il prezzo di Bitcoin è passato da 10k a meno di 8k in seguito alla notizia che i giganti dei motori di ricerca, Google bandirà  gli annunci relativi alla crittografia. Finora, il 2018 ha presentato le sue sorprese anche se non drammatiche come le montagne russe.

La storia in genere ha un modo di ripetersi, ma il bitcoin ha un sacco di storia che lo rende una sfida uguale a predire quale storia verrà ripetuta. Ci vuole molto più di uno studio delle tendenze passate per ottenere previsioni puntuali in questo momento. Gli analisti, gli appassionati e le figure del settore hanno opinioni molto divergenti e previsioni sui prezzi bitcoin sia a lungo che a breve termine. L’ottimismo è ancora alto in molti trimestri, i rapporti di un nuovo sondaggio tra i finanziari britannici suggeriscono che un’ampia maggioranza acquisterà più monete nella speranza di una ripresa dei prezzi entro la fine dell’anno.

Un recente studio svizzero sottolinea come il bitcoin resti sopravvalutato e destinato a crollare entro la fine dell’anno. Accusati di essere una meteora dalla maggioranza degli analisti, le criptovalute con la loro ascesa hanno caratterizzato la fine del 2017, quando il bitcoin ha raggiunto i 20mila dollari innescando i timori di un’imminente bolla speculativa.

Per Mario Draghi, governatore della Bce “una moneta dovrebbe anche essere una riserva di valore in modo tale che possiate essere sicuri di poter acquistare più o meno lo stesso quantitativo di cose oggi, domani o il prossimo anno”. L’alta volatilità sul Bitcoin dimostra quindi che non può essere considerata una moneta. Il gioco non è ancora finito per Bitcoin. E nemmeno la sua volatilità dei prezzi, che divide gli esperti di criptovaluta su dove si dirigerà il prezzo del Bitcoin.

Leggi anche: Bitcoin news: quota 50mila entro fine anno. Le parole di Draghi

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.