Web Marketing Festival: l’Italia da un’altra prospettiva

4.5 K

6mila giovani al Palacongressi di Rimini ma non solo. Web Marketing Festival: un successo che va oltre ai numeri.

Lo scorso marzo è uscito un interessante film di Giovanni Veronesi, dal titolo “Non è un paese per giovani”, il ritratto di un’Italia passiva ed obsoleta, un luogo da cui i giovani devono scappare per potersi realizzare.

Prospettive.

Venerdì 23 e sabato 24 giugno, a Rimini, nella fantastica struttura del palacongressi, si è svolta la quinta edizione del Web Marketing Festival, una rassegna dedicata al mondo digitale, all’innovazione ed alle giovani imprese.

Un successo indiscutibile, con più di 6mila presenze, tutti giovani, tutti italiani, 200 relatori selezionati, hanno effettuato interventi mirati allo sviluppo delle professioni digitali, con una grande risposta da parte del pubblico presente.

Una grande partecipazione, la voglia di crederci e di affermarsi, qui, adesso, senza fuggire.

Prospettive.

Allora dove sta la verità? Quale delle due fotografie in prospettiva, dev’essere scelta per diventare la cartolina dell’Italia?

È una tipica tendenza del popolo del ‘bel paese’, quella di esagerare la fossilizzazione della nostra Nazione, intrecciando gli insuccessi personali con il malfunzionamento degli ingranaggi istituzionali, additando le responsabilità di un ritardo cronico, esclusivamente ad entità governative astratte che continuano ad ammutinare la propria gente.

Ci sono delle indiscutibili verità nelle lamentele degli italiani, ma, come è tipico per molte faccende della vita reale, ci piace molto, moltissimo esagerare.

Quante volte avete sentito dire che l’Italia è un paese dalle grandi risorse ma non possiamo fare niente perché chi comanda scoraggia ogni tipo d’iniziativa?

In sintesi: “Piove. Governo ladro.”

Quante volte, invece, ci siamo interrogati, in un sapiente esame di coscienza,  sul fatto che, spesso, decidiamo di aggirare l’ostacolo invece di tentare di saltarlo?

A Rimini si è visto il ritratto di un’Italia giovane e vitale, viva e pronta al cambiamento, con ragazzi reattivi e preparati, carichi ed interessati.

Allora forse è giusto partire da una diversa concezione di noi stessi e delle potenzialità che potremmo esprimere, concentrandoci sì sulle problematiche, ma per cercare di risolverle.

A partire dallo scetticismo dei più adulti e saggi nei confronti del nuovo che avanza, dalla difficoltà di un pubblico rigido di fronte alla trasformazione del lavoro che, inevitabilmente sopraggiunge.

Disse l’adulto saggio: “Che lavoro fai?”

Rispose il giovane : “Il Data Scientist!”

E allora l’adulto saggio: “Voi giovani, con queste parole inglesi, con questi lavori inutili davanti al computer, perché non vi trovate un lavoro serio come facciamo noi?!”

Tradotto in queste poche battute c’è il reale problema di un Paese che soffre il gap generazionale molto più di altre Nazioni. Con questo non vogliamo certo affermare che valga per tutti gli adulti italiani, facendo di tutta l’erba un unico fascio, anzi, sono proprio coloro che riescono a saltare questo dirupo, a condurre i giovani dritti verso il cambiamento.

Sono dunque fondamentali apporto e supporto, per contribuire ad una rivoluzione dei giovani nei giovani, anche per quanto riguarda la  considerazione del proprio paese natale.

Un evento come il Web Marketing Festival, è un’occasione formativa, costruttiva, che unisce ed esalta le possibilità di ragazzi, che non devono più osservare e scappare, ma osservare ed agire.

È indispensabile che ciò che si osserva sia l’esempio che fa scattare la molla, non il monito che induce alla fuga, per questo, iniziative come il WMF sono importantissime.

Non è giusto chiudere gli occhi, fingere che vada tutto bene e continuare a prendere schiaffi a mani aperte, ma neppure celarsi dietro a scuse che, ormai, sono vinili che stridono sui giradischi da decine di anni.

Serve il giusto compromesso tra l’istantanea della realtà di Veronesi e la fotografia del futuro del WMF, la consapevolezza di dover gestire delle difficoltà effettive, e l’entusiasmo di proiettare le nostre risorse nel domani: solo con il giusto mix di colori ed immagini saremo in grado di scegliere la giusta cartolina che rappresenta l’Italia nel mondo.

Ti potrebbe interessare anche: https://www.business.it/web-marketing-festival-20017-il-sociale-ed-il-digitale/

Ti potrebbe interessare anche: https://www.business.it/torna-il-digital-job-placement-al-web-marketing-festival/

Ti potrebbe interessare anche: https://www.business.it/wmf-il-web-marketing-festival-torna-a-rimini-il-23-e-24-giugno/

Ti potrebbe interessare anche: https://www.business.it/wmf-la-call-for-web-series-contest-giovani-filmaker/

CONDIVIDI
Gianluca Parodi
Classe 1986, una laurea in lettere e filosofia barattata con un giuramento di fede all'innovazione ed alla tecnologia. Appassionato di parole, analizza, esamina, interpreta il business, in tutte le sue forme. Ama l'arte e la musica e, molto spesso, si ammala gravemente di sport.