Lavoro

Automazione: sciopero per 50.000 lavoratori di Las Vegas, al riparo dai robot

La metà delle attività lavorative di oggi potrebbe essere automatizzata entro il 2055. Scenario che in realtà potrebbe variare di molto a seconda della velocità con cui si svilupperanno e matureranno determinate tecnologie. Tuttavia, qualsiasi tipo di lavoro è soggetto a una automazione parziale. Considerando l’avanzamento tecnologico, che negli ultimi 5 anni ha raggiunto notevoli livelli di maturità, soprattutto sul fronte della sensoristica, delle capacità cognitive dell’intelligenza artificiale e della robotica è abbastanza comprensibile pensare che l’automazione sarà il futuro in molti lavori. Ecco perché la Culinary Workers Union di Las Vegas ha votato 99-1 per uno sciopero, che inizierà venerdì.

Perché i lavoratori dei casinò minacciano lo sciopero

Dietro le luci scintillanti, le insegne luminose, la musica, le auto di lusso, il gioco d’azzardo e i fiumi di champagne a Las Vegas ci sono migliaia di lavoratori che contribuiscono alla costruzione del business del divertimento nel Nevada. Su Las Vegas si intravedono nubi all’orizzonte che non promettono nulla di buono. Oggi 31 maggio, scadrà il contratto per 50.000 lavoratori che sono già sul piede di guerra (sindacale) e minacciano uno sciopero per l’1 giugno.

Leggi anche: Tecnologia: una sedia Ikea assemblata da robot

Cameriericuochifacchinifattorini e baristi rischiano di rimanere senza contratto di categoria. L’accordo per il rinnovo dei contratti non è stato raggiunto ancora e molti lavoratori iscritti al sindacato hanno minacciato di incrociare le braccia. Secondo la società di consulenza PWC, quasi il 40% di tutti i lavori negli Stati Uniti sarà automatizzato o sostituito da una sorta di robot entro il 2025. I lavori più a rischio di estinzione sono quelli che svolgono attività altamente ripetitive, come la produzione, la vendita al dettaglio, ospitalità e lavoro culinario.

Si arriverà allo sciopero generale? Difficile poter fare previsioni, anzi se si dovesse tener conto della storia della città è probabile attendere un accordo che sarà trovato all’ultimo minuto. A Las Vegas è un evento raro lo sciopero. L’ultima volta è successo 30 anni fa, ma il rischio di mettere in ginocchio gli hotel della città c’è. Pensiamo solo alle strutture dei grossi resort-casinò come il BellagioMGM GrandCosmopolitanPlanet HollywoodVenetianAriaCaesar’s Palace etc. potrebbero trovarsi dalla sera alla mattina a corto di personale causando disagi ai visitatori e gravi danni economici. Avere 50mila dipendenti in meno in un solo colpo rischia di tradursi in disservizi importanti per i clienti che, in quel periodo, invaderanno Vegas.

L’ultima volta che i lavoratori di Las Vegas sono entrati in sciopero era il 1984 e la protesta andò avanti per 67 giorni determinando perdite di decine di milioni di dollari all’industria del divertimento. Dopo il voto della mozione di ieri Culinary Union, il sindacato che guida la protesta, ha guadagnato un enorme potere negoziale con i titolari dei 34 casinò di Las Vegas che tremano all’idea di perdere montagne di soldi. Per scongiurare lo sciopero in meno di una settimana il nuovo contratto quinquennale dovrà essere firmato. Geoconda Argüello-Kline, segretario-tesoriere del sindacato ha spiegato che il nuovo contratto oltre alla crescita dei salari dovrà prevedere anche maggiori garanzie di sicurezza sul lavoro e tutele ai dipendenti in caso di molestie sessuali.

Leggi anche: Intelligenza Artificiale: il robot Vera pronta a selezionare personale per Ikea

L’automazione sta già assumendo posti di lavoro

L’automazione sta già assumendo posti di lavoro, ma non abbastanza da avere un impatto reale sui numeri di occupazione. McDonald’s e altre catene alimentari hanno chioschi per l’ordinazione. La società della Silicon Valley Knightscope produce robot che sostituiscono le guardie di sicurezza (con risultati misti). Savioke, il produttore di Elvis, ha i suoi robot Relay in hotel in tutto il paese. Amazon ha appena aperto il suo primo negozio di alimentari senza cassiere.

Las Vegas ha affrontato problemi simili prima, molto prima che qualcuno immaginasse che le auto potessero guidare da sole. Quando le slot machine prendevano solo monete, la gente vagava per i piani dei casinò facendo cambiamenti. La tecnologia relativamente semplice, dalle macchine da poker agli sportelli automatici, ha sostituito vari lavori di gioco nel corso degli anni. Anche se la gente del posto finirà per lottare per trovare lavoro, la città continuerà probabilmente come attrazione turistica per gli estranei che hanno un lavoro e possono permettersi le vacanze.

“Vegas sarà ancora Vegas e ciò che caratterizza Vegas sarà sempre lo stesso”, ha detto Johannes Moenius che ha lavorato a uno studio sul rischio di perdere posti di lavoro per l’automazione, dell’Università di Redlands. “Vedrete meno persone faccia a faccia nel settore dei servizi, ma il Cirque du Soleil sarà ancora lì.”

Leggi anche: Robot e lavoro: ecco chi teme più l’automazione tra uomini e donne