festo-robot

Biorobotica: Festo e il robot-ragno

Animali robot al servizio dell’uomo: le innovazioni nel campo della robotica non nascono nel chiuso di un laboratorio. Come avviene per pittori e poeti, è la natura ad ispirare gli scienziati. Secondo un gruppo di ricercatori dell’Università di Chicago, i  robot del futuro saranno simili agli uomini, è vero, ma in alcuni casi anche a grossi quadrupedi o a piccolissimi insetti. Perché ad affascinare l’ingegneria robotica è la natura. Siamo entrati nel campo della biorobotica.

Una delle aziende più interessanti che lavorano in questo spazio è la compagnia di automazione tedesca Festo. Le sue ultime creazioni sono due delle più grandi finora: un ragno robotico BionicWheelBot che assomiglia a un droide di guerra di Star Wars e un BionicFlyingFox che è, beh, praticamente quello che suggerisce il suo nome un enorme pipistrello.

Leggi anche: Momo: il robot domestico nato dagli innovatori di Morpheos

Animali robot BionicWheelbot e BionicFlyingFox

Il BionicWheelbot è stato ispirato dal ragno di flic-flac e dal suo modo di muoversi molto insolito, che include una combinazione di camminare, fare la capriola e rotolare sul terreno. Vive nel deserto dell’Erg Chebbi ai margini del Sahara. Il professor Ingo Rechenberg, un trasformatore di bionica alla TU di Berlino, lo scoprì nel 2008. Il ragno di flic-flac può camminare come altri ragni. Può anche spingere se stesso nell’aria. Quando non è occupato a correre, il robot – che è alimentato da 15 motori – inizia la sua azione rotatoria piegando tre gambe su ciascun lato del suo corpo per formare una ruota. Poi si estendono due gambe aggiuntive, spingendo il ragno arrotolato da terra e in avanti. Ciò consente di spostarsi su terreni più accidentati a velocità elevate, comprese le pendenze in salita.

Il BionicFlyingFox, nel frattempo, è una creazione di 580 g con un corpo in schiuma fresata in 3D, uno scheletro in fibra di carbonio e un’apertura alare di 228 cm – composto da un materiale a membrana ultra leggera e sottile. Il robot non assomiglia ad una vera e propria volpe volante, ma può effettivamente volare sbattendo le ali in un’approssimazione realistica dell’articolo originale. Viene lanciato tramite telecomando, ma può quindi eseguire il suo volo reale utilizzando un sistema di pilota automatico, aiutato da telecamere a infrarossi integrate nelle gambe e nelle punte delle ali.

Leggi anche: Robot del futuro: Avatar muove i primi passi

Perché creare queste creature?

Purtroppo, non si potrà acquistare nessun robot. “Entrambi i progetti sono demo tecnologiche quindi non ci sarà un’applicazione per loro reale – forse un po’ simile a concept car nell’industria automobilistica”, ha detto il Dr. Elias Knubben, responsabile dei progetti bionici aziendali di Festo. 

Festo afferma che la sua missione è “motivare, ispirare, entusiasmare e rilanciare l’innovazione”. Ma perché le menti innovative vogliono spaventarci così? “Stiamo cercando di trasferire le conoscenze acquisite nello sviluppo dei progetti bionici su argomenti relativi ai prodotti come l’efficienza energetica e la costruzione leggera, in modo da poter offrire prodotti e soluzioni più efficienti ai nostri partner e clienti”, continua Knubben.

Alla fine, Knubben ha affermato che l’obiettivo è mostrare la tecnologia dell’azienda e, auspicabilmente, ispirare i bambini sulle possibilità offerte dalla scienza e dalla tecnologia nel processo. Dobbiamo ammettere che questo è un buon motivo per creare queste creature!

Animali hi-tech

Possono curare le malattie, combattere l’inquinamento o esplorare zone difficili da raggiungere. Sono gli insetti robot: alcuni, come RoboBee, rischiano seriamente di rubare il lavoro alle api vere essendo capaci di impollinare i fiori. Altri – grilli, scarafaggi e gerridi robot – sanno nuotare e muoversi all’interno del nostro corpo per trattare le patologie del colon e dell’intestino o pulire i vasi sanguigni.

Gli animali robot progettati negli ultimi anni sono stati sperimentati in molti campi: dall’ambito militare alla sfera educativa. Cloni dei cugini in carne e ossa, alcuni animali robot sono in grado di imitare i loro comportamenti per sostituirsi all’uomo in situazioni di pericolo o emergenza. Come Big Dog un cane robotizzato ideato dalla Boston Dynamics in collaborazione con il Dipartimento della Difesa americano, già usato dai marines in attività di perlustrazione, capace di camminare su terreni accidentati, di percorrere fino a 32 km in completa autonomia e trasportare materiali fino a 180 chili. Oppure Spotmini ad alimentazione elettrica, il più evoluto cane robotico della Boston Dynamics che ha capito come aprire le porte.

Leggi anche: Bezos a spasso con il cane robot, il web lo acclama come il nuovo Tony Stark

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.