Tecnologia

Fuchsia: il rivoluzionario prodotto di Google

Fuchsia è un sistema modulare, real-time, estremamente sicuro, open source, che in futuro potrebbe rimpiazzare Android. È basato su un mix di licenze Software. Google ci tiene a precisare che Fuchsia non è Linux, infatti tra i due sistemi esisterebbero delle grandi differenze. Fonti indiscrete sussurrano che questo nuovo strumento si adatterebbe a qualsiasi tipo di dispositivo, dall’IoT, ai PC, fino addirittura agli smartphone. Ancora, però non abbiamo prove concrete al riguardo.

Leggi anche: Internet of Things: Google lancia Android Things, piattaforma per sviluppatori IoTAndroid 9, uscita e novità: sarà Popsicle il nome della nuova versione?

Le ipotesi

Il gruppo di lavoro di Mountain View sta ancora lavorando alle ultime modifiche di questo nuovo sistema operativo che in futuro potrebbe sostituire Android e Chrome OS, e non solo. Al momento però possiamo fare solo delle ipotesi. 9to5Google ha messo in evidenza che proprio in queste ultime ore, gli sviluppatori della società hanno aggiornato la pagina dell’Android Open Source Project, facendo dei chiari accenni al loro nuovo e segreto progetto. Sembra quasi che si lasci intendere che questo nuovo sistema operativo sarà in grado di eseguire le App attualmente scritte per i telefoni e i tablet Android. Sarà realmente così?
In questa pagina pubblica, e visibile a tutti, si sostiene che i nuovi dispositivi saranno in grado di utilizzare le istruzioni contenute nelle app. Android, nonostante l’abissale diversità dei due sistemi operativi.

Leggi anche: Google: evento hardware, nuovi prodotti incluso il suo nuovo smartphone Pixel 3

Fuchsia e Android

Al momento non è noto come funzionerà esattamente la procedura, l’importante è che quando si deciderà di lanciarla sul mercato, Fuchsia sarà in grado di utilizzare le infinite applicazioni disponibili per i dispositivi Android. Questo è il passo più importante per la sua sopravvivenza e il confronto con avversari del calibro di iOS, Windows e MacOS.

Google-pixel-3

Leggi anche:Google e Apple: i due big si contendono il mercato delle app per i navigatori

Per un successo assicurato

Il suo successo deriverà in parte dalla qualità stessa del codice sorgente, ma anche dall’interfaccia grafica. Nel frattempo gli ingegneri di Google si stanno impegnando alla messa a punto di un operativo universale in grado di funzionare su Smartphone, tablet, computer, Smart display e altri prodotti, e renderlo utile e piacevole in qualsiasi tipo di situazione. Al momento, su questi aspetti non ci sono ancora delle prove certe per poter affermare qualcosa di più.