Lifestyle

Kudos: il nuovissimo social dedicato ai più piccoli

Il dibattito sulle nuove tecnologie e sull’uso che ne fanno i più piccoli è oggetto di opinioni contrastanti. Chi grida all’innovazione, chi rimpiange la tradizione. Sta di fatto che i dispositivi digitali vengono usati sempre prima, col conseguente fiorire di applicazioni dedicate ai più piccoli, dal primo anno di vita in poi. La maggior parte di esse hanno un approccio didattico, ma l’utilizzo stesso cela il percolo dietro l’angolo: come proteggerli dal cyberbullismo imperante, fake news e hate speech?
Ci ha pensato Kudos, un’app esclusivamente dedicata ai bambini di età compresa tra gli 8 e i 13 anni, con lo scopo di educare i piccoli utenti all’uso consapevole dei social media.
Kudos è infatti un’app di social sharing, nel quale è possibile condividere contenuti in tutta sicurezza.
Kudos è appena uscita in America e vuole rappresentare un approccio digital per i più piccoli che infonda sicurezza anche ai grandi. Con questa app si vuole infatti promuovere il positive sharing, offrendo svago, divertimento e sicurezza in una solita applicazione.

Leggi anche: Nuovo social network di Samsung

Kudos

Come funziona Kudos

I tecnici e gli esperti di numerose discipline che hanno inventato Kudos, sono al lavoro da circa tre anni per testarne sicurezza ed efficienza.
Funziona come un comune social network per gli adulti: si crea un profilo, necessita di username e password e, cosa importantissima, è necessaria l’email di un genitore. Infatti il profilo, una volta creato, deve essere approvato da un adulto. Successivamente Kudos sarà pronto per essere utilizzato come un vero social network: sarà possibile condividere foto e aggiungere filtri proprio come si fa con il più noto Instagram. Inoltre, il contenuto potrà esser commentato da una rete di amici selezionati e si potrà scegliere anche con chi condividere e con chi no ciò che si posta.

Leggi anche: Nextdoor, social network privato alla conquista dell’Europa 

social network

Garanzia di protezione

Kudos garantisce la supervisione di un genitore in quanto tutte le notifiche e le modifiche che il bambino effettuerà arriveranno tramite notifica nell’email indicata durante la creazione del profilo.
La garanzia fondamentale è quella secondo cui un team di specialisti avrà accesso alla piattaforma, dedicando quindi risorse al monitoraggio di foto e testi per segnalare o eliminare ogni contenuto non appropriato. Il cyberbullismo e l’intrusione di hate speech sono in agguato, la prudenza quindi non è mai troppa. Instagram e Snapchat sono infatti i più popolari social tra i teenager, ma anche i più criticati perché incentrati sull’aspetto fisico e quindi spesso luogo virtuale di bullismo.
Però se negli altri social, monitorare situazione e aggiornamenti e praticamente impossibile da parte di un genitore, Kudos è l’unico che offre tale garanzia. In nessun altro social esiste un team dedicato appositamente al monitoraggio dei contenuti. Inoltre, lo scopo del social è quello di condividere contenuti positivi, che possano invogliare alla divulgazione di commenti altrettanto positivi, come il comando Leave a nice content. Infine, la pubblicità è assente.