Tech

Tecnologia, smart home ci farà preoccupare maggiormente della privacy

Un sacco di diversi dispositivi Internet of Things stanno prendendo piede con i consumatori, dagli orologi intelligenti alle auto connesse. Ma c’è un set di tali gadget che molti consumatori stanno resistendo: i dispositivi domestici intelligenti. Gli altoparlanti intelligenti sono fantastici, convenienti e divertenti da usare, ma dovremmo preoccuparci quando si tratta di privacy? Per la maggior parte delle persone, il pensiero di un dispositivo intelligente che condivide le loro conversazioni intime e che invia tali registrazioni ai loro conoscenti può essere un incubo.

Se possiedi un Amazon Echo , una Google Home o un HomePod, ci sono un sacco di impostazioni e funzioni da modificare se sei preoccupato di proteggere i tuoi dati personali. E per una famiglia a Portland, è un incubo diventato troppo reale quando il loro Amazon Echo ha inviato una registrazione di una conversazione privata a un contatto casuale nella loro rubrica. Per fortuna, la conversazione registrata era abbastanza banale: una chiacchierata sui lavori di ristrutturazione della casa. Ma poiché la tecnologia della casa intelligente viene rapidamente integrata nella nostra vita quotidiana e negli spazi privati, non è difficile immaginare scenari peggiori. Le leggi sulla privacy dei dati ci dicono che la raccolta dei dati personali deve essere limitata e non essere condivisa con nessuno senza il consenso attivo dell’utente. Ma queste leggi vengono rispettate?

smart-home-privacy

Leggi anche: Google Home Vs Amazon Echo: differenze (e non) tra gli assistenti per la Smart Home

Le tecnologie intelligenti nelle case, registrare senza permesso

 

Gli altoparlanti intelligenti registrano le conversazioni dei residenti. I termostati dotati di sensori di movimento tracciano la posizione di ogni membro della famiglia e quando escono di casa. I frigoriferi ricordano le liste della spesa e le abitudini di acquisto. Una cosa è chiara: quando i residenti invitano le tecnologie intelligenti nelle loro case, stanno giocando d’azzardo con la loro privacy. I consumatori sono preoccupati di essere guardati, ascoltati o monitorati dai dispositivi che collocano nelle loro case. Grazie a tale disagio, l’interesse dei consumatori per la tecnologia della casa è rimasta indietro rispetto al loro interesse per altri tipi di dispositivi in quanto tali gadget esporrebbero troppo alla loro vita quotidiana.

Nel frattempo, molti consumatori ritengono che i produttori di gadget non stanno facendo un buon lavoro nel raccontargli i rischi per la sicurezza a causa della scarsa informazione. Alcuni recenti incidenti di alto profilo hanno dato ai consumatori la cautela nei confronti dei dispositivi smart-home. Il ricercatore britannico di sicurezza Mark Barnes ha dimostrato all’inizio di quest’anno che era possibile hackerare un altoparlante smart Amazon Echo per ascoltare cosa sta succedendo nella casa di un proprietario. E il mese scorso, un giornalista con un’unità di revisione di uno dei nuovi altoparlanti intelligenti di Google ha scoperto che il dispositivo lo stava registrando senza il suo permesso.

smart-home-privacy

Leggi anche:  Intelligenza Artificiale: Affectiva tiene traccia delle emozioni durante la guida

Perché avere la casa intelligente?

 

In molti modi, le nostre vite potrebbero essere molto più semplici. Svegliarsi in una casa intelligente potrebbe significare molto probabilmente che hai una tazza di caffè in cucina non appena scatta la sveglia. Il tuo termostato intelligente regolerà la temperatura della stanza in quanto ti avverte di lasciare la stanza da letto per risparmiare energia e potresti persino impostare il tuo lettore musicale per riprodurre i tuoi brani preferiti mentre ti accosti ad entrare nella doccia. Ma tutto questo a quale prezzo? Oltre a offrire maggiore usabilità e controllo, le case intelligenti raccolgono e analizzano molti dati dell’utente. 

Ogni nuovo elettrodomestico connesso a Internet genera più dati sui modelli e sul comportamento dell’utente creando un’altra traccia digitale di dettagli personali. È probabile che questi dati vengano archiviati nei server di alcune aziende e potrebbero facilmente cadere nelle mani sbagliate. La tecnologia delle case intelligenti potrebbe causare un cortocircuito dinamico. Ma quando i dispositivi di casa stanno registrando le tue conversazioni e i movimenti fisici, è più difficile ignorare l’incombente minaccia di violazioni potenzialmente disastrose della privacy. Con l’aumento della connettività arriva un aumento esponenziale della superficie della minaccia. Poiché gli elettrodomestici e gli indossabili diventano più radicati nella nostra vita quotidiana, è importante che gli utenti siano consapevoli di quali dati stanno mettendo in circolazione.

Le case intelligenti stanno cambiando il modo in cui viviamo. Il consumo energetico più efficiente e le apparecchiature connesse che comunicano tra loro stanno diventando sempre più una realtà in molte case. Dalle serrature delle porte ai termostati fino all’illuminazione controllata a distanza, ogni aspetto del modo in cui interagiamo con gli elettrodomestici sta cambiando. La domanda chiave: è per il meglio? Il percorso verso la privacy e la consapevolezza degli utenti è una strada lunga e tortuosa e sicuramente una questione complicata come l’adozione di Internet delle cose. Le case intelligenti possono portarci molti vantaggi, ma l’assorbimento degli utenti potrebbe essere considerevolmente danneggiato dalle aziende che giocano in modo rapido e libero con dati privati che violano la santità delle nostre case. Il sogno potrebbe essere solo un incubo a occhi aperti.

Leggi anche: Amazon acquisisce Ring: il videocitofono intelligente tra i must-have per la Smart-Home