denaro-digitale-futuro

Denaro digitale: cambia il modo in cui spendiamo e compriamo qualcosa

Come si muoverà il denaro in futuro? In un mondo sempre più digitale e globalizzato, il fintech (la tecnologia finanziaria) è una priorità. E gli investimenti crescenti in questo settore ne sono la conferma. Con l’avvento delle tecnologie, il mondo bancario non è più lo stesso. E i pagamenti sono sempre più “invisibili”, digitali, automatici e senza alcuna intermediazione bancaria.

La tecnologia ci sorprende ogni giorno: la rapidità con cui vengono introdotte innovazioni mai pensate prima sta crescendo a dismisura. Con tutte queste facilitazioni per gli shopper compulsivi diventerà sempre più difficile tenere al sicuro il proprio portafoglio.

Sempre meno contante, sempre più trasferimenti “invisibili”, digitali e automatici. Tanto che il nostro corpo e tutto ciò che ci circonda ci permetteranno presto di pagare per qualcosa. Amazon, Mastercard e altri stanno sviluppando nuovi modi per te da spendere, compresi i negozi senza cassiere e la scansione delle vene in pollici. Insomma il denaro digitale sta cambiando il modo in cui salviamo, acquistiamo e lavoriamo, con una maggiore digitalizzazione e semplificazione delle cose.

Leggi anche: Amazon Alexa novità: sarà possibile inviare denaro

L’alternativa al denaro e alle carte

Se pensiamo a quando entriamo in un negozio e siamo in fila per pagare qualcosa, tiriamo fuori il portafoglio, prendiamo la carta, inseriamo il pin, firmiamo prima di ritirare la ricevuta. E le perdite di tempo non finiscono qui, alcune carte prepagate prevedono procedure contorte. Insomma, questi strumenti di pagamento sono utilissimi, comodissimi, ma spesso il loro impiego è rovinato da inutili lungaggini burocratiche. A seconda della quantità di fretta che abbiamo, questi passaggi possono essere visti come punti dolenti nel processo di pagamento. Per questo la tecnologia li sta semplificando. Fortuna che qualcosa si stia muovendo anche in questo campo e che alcune aziende riescano a fornire delle soluzioni per la gestione del denaro davvero “smart”.

Un primo esempio è il numero sempre crescente di modi per pagare utilizzando alternative al denaro e alle carte. Fra le soluzioni di pagamento “smart” c’è HYPE, un conto di moneta elettronica a cui è associata una carta del circuito Mastercard (sia fisica e virtuale) che permette una gestione completa del denaro da smartphone. Si può attivare, gestire e utilizzare comodamente dallo smartphone senza lungaggini burocratiche e senza costi relativi a bonifici o altre operazioni. HYPE include anche una tecnologia che permette di pagare direttamente dal proprio smartphone presso i negozi fisici, senza bisogno né della carta né dei contanti.

Ma Hype non è l’unico modo di effettuare pagamenti smart, anzi i pagamenti saranno presto fatti con qualsiasi cosa e tutto, dai nostri telefoni e orologi ai nostri frigoriferi, macchine e persino le vene delle nostre mani. Avremo quindi più opzioni di pagamento e l’atto di pagare a volte diventerà così semplice che svanirà in secondo piano. Usando nuovi dispositivi connessi, dati biometrici e formati di negozi come Amazon Go, i nostri dispositivi e persino l’ambiente che ci circonda gestiranno i pagamenti per noi. Tutto questo dovrebbe rendere lo shopping più veloce, più conveniente e più sicuro.

Sempre più tecnologia

Le tecnologie più interessanti ed emergenti sono quelle che cambiano completamente l’esperienza di acquisto. Se pensiamo a una visione dello shopping in realtà aumentata, come si può fare con l’App AR Ikea, può essere particolarmente utile. Puoi inchiodare le dimensioni esatte di una sedia e guardare nel tuo salotto. Una volta che hai scelto l’oggetto che desideri, puoi semplicemente toccare per pagare lì con i fondi estratti dal tuo portafoglio digitale. Ciò non è solo positivo per l’acquirente, ma aiuta i rivenditori a evitare i costi di restituzione. 

L’utilizzo di Apple Pay o PayPal all’interno della tua auto è qualcosa che Jaguar Land Rover e Shell hanno già sperimentato. Questa funzione non utilizza ancora il riconoscimento vocale, ma con il miglioramento della tecnologia, questa opzione dovrebbe diventare più sicura. “Stiamo assistendo a un futuro in cui l’autenticazione potrebbe passare dai numeri PIN al riconoscimento facciale, vocale e del movimento delle mani sul telefono”, ha dichiarato Sulabh Agarwal, responsabile di Accenture per i pagamenti nel Regno Unito. La tecnologia è già abbastanza sicura e avanzata in questo momento, ha aggiunto.

A gennaio, Mastercard si è impegnata a rendere disponibile l’identificazione biometrica a tutti i suoi utenti entro aprile 2019. Ciò significa che le banche che emettono le carte con marchio Mastercard offriranno anche l’autenticazione biometrica – impronte digitali o riconoscimento facciale – per transazioni remote e pagamenti per persona effettuati con sistemi mobili come Apple Pay. L’azienda ha anche testato la sua prima carta di credito con un sensore di impronte digitali incorporato lo scorso anno in Sud Africa.

Secondo una ricerca condotta lo scorso anno da Mastercard con l’Università di Oxford, il 93% dei consumatori preferisce utilizzare la biometria per le password o PIN tradizionali. Dichiarano quindi di preferire l’autenticazione con la voce anziché PIN o password. La biometria vocale – che consente all’utente di autenticarsi in modo semplice e naturale senza dover digitare una password o un PIN, ma pronunciando semplicemente una breve passphrase come “La mia voce è la mia password” – è una tecnologia innovativa, e che mostra ampie prospettive di sviluppo per il futuro. Entro il 2020 saranno oltre mezzo miliardo i timbri vocali autorizzati attraverso molteplici applicazioni e scenari. Questi dati confermano che si tratta di un trend con ottime potenzialità di implementazione. 

Riconoscimento del viso e impronte digitali? Il passato!

In futuro tra i sistemi biometrici utilizzati per autorizzare i pagamenti potrebbe essere usato anche quello che riconosce le vene. Nello specifico la società britannica di autenticazione tecnologica Sthaler sta testando un’opzione di autenticazione biometrica chiamata “Fingopay” in un campus universitario a Londra. Un lettore Fingopay crea una mappa 3D delle vene in un dito, creando una chiave personale che è memorizzata nel cloud e può essere utilizzata per autenticare i pagamenti ovunque tu vada. 

La società afferma che è più sicuro rispetto all’impiego di un’impronta digitale, poiché ogni vena del dito è unica e le probabilità che due persone abbiano la stessa struttura venosa sono 3,4 miliardi a uno. Il lettore elettronico mappa le vene dal dito dell’utente e genera una chiave unica di riconoscimento, associata a una carta di debito o credito dalla quale vengono scalati gli importi delle transazioni così autorizzate. In questo modo, una volta effettuata la registrazione al database di Fingopay, gli utenti non dovranno far altro che inserire il dito nell’apposito lettore per autorizzare la transazione.

Leggi anche: Fintech in Italia: Satispay, il successo degli startupper dei pagamenti da smartphone

denaro-digitale-futuroMa quale potrebbe essere il rovescio della medaglia? E la sicurezza?

Potrebbe diventare così facile spendere soldi, che non basterebbe uno stipendio senza rendercene conto. Certamente questo coraggioso modo di pagamento per ora si farà un pò attendere. A causa della rigida struttura normativa del settore finanziario, vedremo i nostri rituali di pagamento cambiare in modo incrementale man mano che le regole evolvono per tenere il passo con i miglioramenti tecnologici. La disponibilità di reti di pagamento mobili come Apple Pay e Samsung Pay sono solo l’inizio.

La sicurezza è un altro degli elementi che sta molto a cuore agli sviluppatori di Fingopay. “Il nostro schema delle vene è sicuro perché è mantenuto in un database in forma crittografata”, ha spiegato Simon Binns, direttore commerciale di Sthaler. Non solo. Per scoraggiare qualsiasi malintenzionato, una volta inserito il nostro dito nello scanner, una luce infrarossa eseguirà la scansione delle vene e controllerà il livello di emoglobina, cioè se il sangue sta fluendo nelle vene e, in sostanza, se siamo vivi”, continua Binns.

I dati biometrici sono considerati sicuri in quanto unici. Ciò non significa che siano stati totalmente infallibili: sia le impronte digitali che i riconoscimenti facciali sono stati falsificati in passato. Ma è probabile che diventi più difficile da fare in quanto la tecnologia diventa più precisa e più perfezionata, come nel caso del sistema di scansione venosa di Sthaler. Anche Amazon Go consente ai clienti di effettuare il check-in utilizzando un codice QR su un tornello, prendere ciò che volevano e uscire senza dover fermarsi alla cassa. Un’esperienza rapida e senza problemi. Questo sarà il futuro dello shopping?

Leggi anche: Google Pay, la nuova app di google sta arrivando

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.